Burkina Faso, assalto a hotel di Ouagadougou: 29 morti. Farnesina conferma: "Bimbo italiano tra le vittime"

Attentato in Burkina Faso in un hotel noto per ospitare stranieri. Rivendica Al Qaeda.

18.40 - Paolo Gentiloni, Ministro degli Esteri e della cooperazione internazionale, ha confermato la presenza del bimbo italiano di 9 anni tra le 29 vittime dell’attentato in Burkina Faso.

13.40 - La Farnesina ha fatto sapere che potrebbe esserci anche un italiano tra le vittime dell’attentato in Burkina Faso. Le verifiche sono ancora in corso, ma stando a quanto reso noto si tratterebbe di un bambino:

Il figlio minore di circa 9 anni del titolare italiano del ristorante 'Cappuccino', signor Gaetano Santomenna, si trovava all'interno del locale al momento dell'assalto insieme a sua madre, cittadina straniera. Le operazioni formali di riconoscimento dei corpi delle numerose vittime dell'attentato sono tuttavia ancora in corso da parte delle autorità del Burkina Faso.

17 gennaio 2016 - A poche ore dalla conclusione dell’assalto ai due hotel ed alla caffetteria di Ouagadougou, in Burkina Faso, è arrivata la conferma del bilancio: 29 persone sono rimaste uccise e altre 56 persone sono state ferite.

Tra le vittime, iniziano ad arrivare le prime conferme, ci sarebbero il missionario statunitense Michael Riddering, 45 anni, rimasto ucciso al Cappuccino Cafe, e un volontario olandese di 67 anni. A confermare il decesso di quest’ultimo è stato il ministro degli esteri olandese, Bert Koenders, mentre la morte di Riddering è stata confermata dai suoi familiari.

A perdere la vita sarebbero stati anche 8 cittadini canadesi, due svizzeri e due francesi, ma si attendono ancora conferme sulla loro identità. La Farnesina sta ancora verificando l’eventuale presenza di cittadini italiani.

Burkina Faso, terminato l'assalto. Rapiti due australiani nel nord

12:42 - Il ministro della sicurezza del Burkina Faso Simon Compaoré ha annunciato la fine dell'assalto ai due hotel ed alla caffetteria di Ouagadougou. Due cittadini australiani sarebbero stati rapiti nel nord del Burkina Faso e continuano le operazioni di perlustrazione del quartiere alla ricerca di eventuali altri terroristi in fuga. Secondo il ministro il commando era composto sia da arabi che da africani e secondo un ufficiale citato da RFI due donne facevano parte del commando, morte con altri due jihadisti durante gli scontri a fuoco.

Secondo una dichiarazione del presidente burkinabè Roch Marc Kaboré il bilancio è il seguente: 23 morti, 30 feriti e 126 ostaggi liberati

12:04 - Da oltre 12 ore prosegue l'assalto al centro di Ouagadougou, dove ieri sera un gruppo di miliziani islamisti legati al gruppo quaedista salafita al-Mourabitun ha assaltato l'hotel Splendid e la caffetteria occidentale Cappuccino.

Le forze speciali francesi sono arrivate in soccorso dei burkinabè durante la notte ma non hanno ottenuto molto. 23 sono i morti accertati e questa mattina due jihadisti sono stati uccisi, ma proseguono imperterriti gli scontri a fuoco. Gli assaltatori si sarebbero rifugiati in un altro hotel, di fronte allo Splendid.

23 morti di 18 nazionalità diverse, 33 feriti, 126 ostaggi liberati dopo un lungo scontro a fuoco, questo il bilancio (ancora provvisorio).

11:20 - Il ministero dell'Interno del Burkina Faso ha annunciato la fine dell'assalto allo Splendid Hotel ed alla caffetteria Cappuccino, annunciando di avere ucciso due degli uomini armati che si erano asserragliati nell'hotel. Un altro assalto è ora in corso all'hotel Yibi, di fronte allo Splendid.

Degli altri non c'è notizia e si continua a sparare, scrivono diverse agenzie stampa, a Ouagadougou. Secondo un comunicato di AQIM (al-Qaeda nel Maghreb) il gruppo protagonista dell'azione è legato agli islamisti di al-Mourabitoun, già protagonisti dell'attacco a Bamako, in Mali, alla fine del 2015.

I morti accertati finora sarebbero 23.

9:47 - Secondo il ministro degli interni del Burkina Faso sono ancora in corso le operazioni per liberare tutti gli ostaggi e disarmare gli attentatori, che da ieri sera tengono sotto scacco la capitale burkinabè Ouagadougou.

Gli assalitori, il cui numero è incerto, si sarebbero asserragliati ai piani alti dell'hotel Splendid e hanno ancora in ostaggio numerose persone, la cui nazionalità non è stata resa nota.

Secondo la ricostruzione di Agence France-Presse i primi spari si sono uditi ieri alle ore 17 locali (le 16 in Italia) e successivamente l'azione terroristica è durata tutta la notte. Questa mattina il presidente francese Hollande, in una conferenza stampa, ha confermato l'impegno delle forze francesi per aiutare quelle burkinabè nel ripristino di una situazione di normalità ed anche il Pentagono ha confermato il proprio sostegno.

Il quartier generale delle operazioni è stato stabilito in una struttura vicina e l'energia elettrica all'hotel è stata tagliata. Nelle prime ore di questa mattina numerosi testimoni, citati da Le Monde, avrebbero riferito di aver visto fiamme nell'hotel.

16 gennaio 2016, 7:59 - - Serata di paura e sgomento a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, in Africa Occidentale: ieri sera verso le 20:30 ora locale un attacco terroristico di un commando di tre-quattro uomini armati e con il volto coperto, preceduto secondo la BBC da almeno due autobombe, ha preso di mira l'hotel Splendid, nel centro della capitale. Secondo quanto si è appreso, poco dopo l'inizio dell'assalto sul posto è arrivato un veicolo presumibilmente delle forze di sicurezza, che hanno ingaggiato con gli assalitori uno scambio di colpi.

La tecnica utilizzata sembra essere la stessa usata la mattina di venerdì in Somalia, dagli islamisti Al Shabaab che hanno attaccato la base dell'Unione Africana al confine con il Kenya a 550km da Mogadiscio, e più in generale da come Daesh attacca militarmente il nemico in Siria e Iraq. Una o più autobombe lanciate contro l'obiettivo per aprirsi il varco e creare lo choc, assalto a colpi di mitragliatrice e kalashnikov subito dopo. Morti, feriti ed ostaggi. Non molto diverso da Parigi, per certi versi.

La struttura è notoriamente frequentata da stranieri, uomini d'affari, diplomatici delle Nazioni Unite e si trova vicino ad un caffè in stile occidentale, anch'esso attaccato e anch'esso noto luogo di ritrovo, dove alcune persone sarebbero state sequestrate.

Il bilancio delle vittime dell'assalto è di almeno 20 persone, ha spiegato un responsabile dell'ospedale principale della capitale citato dall'Ansa. Durante lo notte le forze speciali hanno condotto un blitz nell'hotel, riuscendo a portare in salvo 30 ostaggi, tra cui anche il ministro dei Lavori Pubblici Clement Sawadogo. Gli ostaggi sono stati tratti in salvo dalle forze di sicurezza del Burkina Faso, aiutate dai militari francesi e dagli agenti dei servizi di intelligence statunitensi che hanno cercato di mettere in sicurezza l’hotel. Al momento nella struttura resta ancora un non meglio precisato numero di ostaggi.

Secondo i media italiani la Farnesina starebbe verificando l'eventuale coinvolgimento di connazionali.

L’operazione sarebbe stata rivendicata da al-Qaeda nel Maghreb Islamico ed insanguina la capitale del Burkina Faso appena due mesi dopo un attacco simile in Mali.

Il Burkina Faso è protagonista in questi mesi di profondi cambiamenti dopo la caduta del ventennale regime di Blaise Compaorè, il vuoto di potere, il tentativo di colpo di Stato di Gilbert Dienderè (militare vicino al regime e sostenuto dalla Francia) e le successive elezioni democratiche. Tutto accaduto in un clima di rispetto e nonviolenza, un unicum nel panorama africano. Il "Paese degli uomini integri", questo significa Burkina Faso (nome voluto dal generale Thomas Sankara, il Che Guevara africano), scivola oggi nell'orrore del terrorismo internazionale.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO