Usa: bambino di 3 anni spara e uccide la sorellina

OLYMPIA, WA - JANUARY 19: A demonstrator carries a handgun while listening to speakers at a pro-gun rally on January 19, 2013 in Olympia, Washington. The Guns Across America national campaign drew thousands of protesters to state capitols, including over 1,000 in Olympia. (Photo by David Ryder/Getty Images)

Negli Stati Uniti è avvenuta l'ennesima tragedia. In un sobborgo di Birmingham, in Alabama, stato ultra-conservatore e da sempre favorevole alla libertà di possedere armi da fuoco, è stata uccisa per errore una bambina di 9 anni. La cosa che lascia basiti è che a sparare è stato il fratellino minore, di appena 3 anni. Quest'ultimo aveva trovato una pistola carica su un comodino.

Per la ragazzina, freddata alla testa, non c'è stato nulla da fare. Immediatamente trasportata in ospedale, è deceduta poco dopo. La polizia ha aperto un'inchiesta e tutti i parenti presenti nell'abitazione al momento dello sparo sono stati interrogati.

Oltre 30 mila persone vengono uccise dalle armi negli Stati Uniti ogni anno. Il Presidente Barack Obama ha recentemente annunciato una stretta sulla vendita di armi, ma il Congresso resta legato al potere delle lobby.

Per la verità, il presidente aveva in mente una riforma ancora più radicale, compresa la revisione del secondo emendamento, ma la maggioranza dei repubblicani e dei democratici hanno sbarrato la strada a questa ipotesi durante il suo doppio mandato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO