Samuel Willenberg, è morto l'ultimo superstite del lager Treblinka

Fu protagonista della rivolta contro i nazisti e riuscì a fuggire, diventando partigiano.

schermata-2016-02-21-alle-16-57-35.png

Samuel Willenberg era l'ultimo superstite del lager nazista di Treblinka, Polonia. Si è spento sabato a Tel Aviv, all'età di 93 anni, dove era arrivato già nel 1950 diventando anche funzionario statale e pubblicando un libro di memorie raccogliendo le testimonianze di altri reclusi nel campo di concentramento.

Willenberg era finito nel lager all'età di 19 anni, nel 1942. La sua permanenza fu relativamente breve, perché già nell'agosto del 1943 fu uno dei protagonisti dell'insurrezione, durante la quale riuscirono a fuggire, assieme a lui, altri 200 reclusi. Scappato, si unì ai partigiani polacchi e nel 1944 combattè i nazisti a Varsavia.

Nel campo di Treblinka, non noto come altri lager nazisti, furono sterminati 800mila ebrei polacchi e greci e circa 2mila zingari.

Oltre al libro di memorie, in vita lavorò anche alla scultura, sempre ispirandosi ai quei tragici fatti. Il suo sogno, però, era di riuscire a dare vita a un museo a Treblinka, per assicurarsi che l'esperienza sua e dei tanti che lì persero la vita non andasse dimenticata.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO