Usa, pedofilia: padre Elizondo si è suicidato

croppercapture3.jpg

Padre Virgilio Elizondo (80 anni) e si è suicidato. Il teologo, uno dei massimi esponenti della teologia della liberazione, non ha retto alle accuse di pedofilia, e così ha deciso di togliersi la vita con un colpo di pistola alla tempia nella sua abitazione a San Antonio, in Texas.

L'ex rettore della San Fernando Cathedral e professore dell’Università di Notre Dame era stato denunciato nel maggio del 2015. L'uomo che lo accusa ha dichiarato alle autorità di aver subito molestie da parte di Elizondo nel 1983. Ma il sacerdote ha sempre negato fermamente di essere coinvolto nella vicenda.

Secondo quanto riportato dai media americani, l'arcivescovo di Los Angeles ha mostrato pietà nei confronti di Elizondo. "Padre Virgilio è stato una figura paterna per un’intera generazione di giovani latinos. La Vergine di Guadalupe, che lui amava molto, lo accoglierà con compassione materna", ha dichiarato monsignor José Horacio Gómez.

Figlio di immigrati messicani, Elizondo fu ordinato prete nel 1963. Nei primi anni '70 ha appoggiato le lotte dei lavoratori nel suo paese di origine. Nel '72 ha fondato il Mexican American Cultural Center, un centro di formazione per i leader pastorali provenienti da tutto il continente americano.

Ricordiamo che la morte del sacerdote giunge prima dell'accertamento della verità sui fatti che gli sono contestati. Il legale della presunta vittima di abusi, dopo aver appreso la notizia del suicidio, ha dichiarato: "la morte prematura in questo frangente solleva ancora più domande". (cit. mysanantonio)

Credit Photo | Youtube

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO