Attentati di Bruxelles: chi è Faycal Cheffou, "l'uomo col cappello"

I condizionali sono d'obbligo, vale sempre la presunzione d'innocenza, ma è altamente probabile che "l'uomo col cappello" sia Faycal Cheffou. Sarebbe lui l'attentare fuggito dall'aeroporto Zaventem di Bruxelles, mentre Najim Laachraoui e Ibrahim Bakraoui si facevano esplodere davanti ai banchi accettazione della America Airlines.

Faycal Cheffou è stato identificato dall'autista del taxi che martedì ha accompagnato il commando in aeroporto. Il riconoscimento del terrorista sarebbe avvenuto attraverso un confronto visivo. La Procura di Bruxelles, pochi minuti, fa ha reso noto che l'uomo è accusato di partecipazione alle attività di un gruppo terroristico, omicidio e tentato omicidio.

Negli ultimi anni, Cheffou ha realizzato inchieste sulle condizioni in cui versano gli immigrati irregolari musulmani in Belgio. Nel 2014, ad esempio, ha documentato con un video la protesta dei detenuti di un centro per immigrati irregolari. Secondo le sue indagini, durante il digiuno di Ramadan i "prigionieri" sono stati privati dell'alimentazione: la direzione della struttura imponeva orari per i pasti inconciliabili con i precetti religiosi.

Faycal era già stranoto alle forze dell'ordine. Era già stato fermato, in quanto accusato di proselitismo presso i centri di accoglienza per rifugiati islamici. Ma è stato accusato anche di ricettazione, associazione a delinquere, e perfino omicidio.

Secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, nel 2003, Cheffou fu chiamato a dare spiegazioni sul fatto che un suo amico usò a casa sua una pistola. Il giovane puntò l'arma del giornalista, che credeva fosse scarica, contro un'altra persona e sparò. La polizia, accorsa dopo "l'incidente", trovò anche materiale sospetto nella credenza della cucina: un passamontagna , manette, divise, e altra refurtiva rubata alla stazione di Polizia di Molenbeek.

Evidenziamo infine che il fratello di Faycal, Karim, è stato ucciso dagli agenti nel 2002, mentre perquisivano la sua casa a Schaeerbek, in cerca degli autori di una rapina. All’interno dell'abitazione venne trovato una borsa piena di granate e alcuni mitra.

croppercapture4.jpg

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO