Attentati Bruxelles: rilasciato Cheffou. Il suo avvocato: "Era in casa durante l'attentato"

Rilasciato Faysal Cheffou: non è lui "l'uomo col cappello". La polizia ha diffuso un filmato chiedendo collaborazione per identificare il terzo attentatore dell'aeroporto Zaventem

29 marzo 2016, ore 15:54 - Secondo l'avvocato di Faycal Cheffou, giornalista freelance arrestato perchè sospettato di far parte del commando dell'aeroporto di Bruxelles e rilasciato per "mancanza di prove" anche se resta accusato di "terrorismo", avrebbe fornito agli inquirenti belgi tutte le prove atte a dimostrare l'estraneità ai fatti del proprio cliente.

Secondo alcuni tabulati telefonici forniti dalla difesa infatti il ragazzo avrebbe un alibi decisamente forte per la mattina dell'attentato: si trovava a casa sua, dove avrebbe fatto e ricevuto diverse telefonate. Sempre tramite il suo legale Cheffou si è detto completamente innocente, di essere contro l'Isis e assicura di non aver alcun legame con gli attentatori di Bruxelles.

20:20 - Secondo quanto riferiscono i media belgi per Faycal Cheffou, il giornalista freelance, resta l'accusa di terrorismo. Secondo la Procura belga, citata dal sito belga Derniere Heure, non vi erano prove sufficienti a convalidare il fermo.

Aggiornamento ore 16:55 - Cheffou Fayçal è stato rilasciato dalla polizia su provvedimento del magistrato istruttore perché non sarebbe lui il terzo uomo immortalato dalle telecamere all'ingresso dell'aeroporto di Zaventem: "Gli indizi che avevano portato all'arresto del di Fayçal Cheffou non sono stati confortati dall'evoluzione dell'inchiesta in corso. Di conseguenza l'interessato è stato rimesso in libertà dal magistrato istruttore". La polizia è tornata dunque a brancolare nel buio e spera nella collaborazione dei cittadini per risalire all'identità dell'uomo.

Attentati Bruxelles: l'uomo con il cappello (video)

28 Marzo 2016

Gli inquirenti belgi stanno ancora cercando di identificare il terzo uomo responsabile dell'attentato all'aeroporto di Zaventem. Giovedì scorso le forze dell'ordine hanno arrestato Cheffou Fayçal, giornalista freelance, sospettato di essere "l'uomo col cappello" immortalato dalle telecamere di sicurezza al fianco dei fratelli Khalid e Ibrahim El Bakraoui. Oggi la polizia ha diffuso una nota accompagnata dal video (in cima al post) del presunto attentatore con il cappello chiedendo aiutato ai cittadini per riuscire ad identificarlo: “La polizia sta cercando di identificare l’uomo. Egli è sospettato di aver commesso l’attentato all’aeroporto di Zaventem martedì, 22 marzo 2016. Se riconoscete questa persona o se disponete di informazioni riguardo all’attacco, si prega di contattare gli investigatori tramite il numero verde 0800 30 300. Discrezione assicurata”.

A quanto pare gli inquirenti non sarebbero sicuri dell'identità del terzo attentatore, nonostante quanto riportato dal quotidiano belga Le Soir secondo il quale sarebbe proprio Cheffou Fayçal l'uomo ripreso dalle telecamere a circuito chiuso dell'aeroporto. Il reporter sarebbe comunque il maggiore sospettato anche per gli inquirenti, che però al momento non escludono piste alternative. Di sicuro Cheffou Fayçal era già noto alle autorità per il suo "attivismo pericoloso".

schermata-2016-03-28-alle-14-40-25.jpg

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO