Canale di Sicilia: nel naufragio del 26 maggio morti 40 bambini

Il naufragio è avvenuto a circa 35 miglia dalle coste libiche.

Naufragio Canale di Sicilia 26 maggio 2016

Domenica 29 maggio, ore 11.58 - Erano almeno quaranta i bambini affondati nel giro di un’ora giovedì scorso sotto gli occhi di un’imbarcazione “gemella” che la stava trainando con una fune dopo che questa aveva iniziato a imbarcare acqua inabissandosi velocemente. Le testimonianze dei superstiti sono state raccolte questa notte dagli investigatori delle squadre mobili di Ragusa e Agrigento.

Fra le circa 400 vittime del naufragio ci sarebbero 40 bambini, molti dei quali neonati.

Nell’ultima settimana sono 12mila i migranti sbarcati nel nostro Paese e circa 900 le vittime sulla rotta dal Nord Africa alle coste italiane.

Aggiornamento ore 15:30 - Per ora sono state salvate 88 tra le persone coinvolte nel naufragio di oggi nel Canale di Sicilia. 24 superstiti sono stati fatti salire su una motovedetta italiana, altri 64 su una nave Eunavformed.

Giovedì 26 maggio 2016, ore 13:30 - Purtroppo anche oggi si deve registrare un altro naufragio nel Canale di Sicilia, a 35 miglia dalla coste libiche, dove un barcone con a bordo un centinaio di persone si è ribaltato. Un velivolo ella missione Ue Eunavformed ha lanciato l’allarme e sul posto sono subito arrivate le motovedette della Guardia Costiera, ma secondo le prime informazioni pare che ci siano addirittura tra i venti e i trenta morti.
Intanto le operazioni di soccorso procedono e almeno una cinquantina di persone sono state salvate.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO