Ventimiglia, emergenza migranti: il parroco apre le porte della chiesa

Padre Francesco Marcoaldi ospita alcuni migranti nella sua parrocchia.

A Ventimiglia va avanti lo sgombero della tendopoli dove si erano accampati i migranti dopo la chiusura del centro di accoglienza. Per ora, tuttavia, solo una ventina di persone sono state identificate. Intanto padre Francesco Marcoaldi, frate della Congregazione Figli di Maria Immacolata, ha aperto le porte della sua chiesa. Il parroco ha spiegato ai giornalisti:

“Ho avuto apertura dal vescovo e io ho spalancato le porte della mia parrocchia ai migranti. Resteranno qui fino a quando non sarà trovata una soluzione a questo problema. Resteranno qui fino a quando è necessario”

poi ha aggiunto:

“La gente ha chiamato i carabinieri quando ha visto i migranti qua vicino e i ragazzi se ne sono andati. Poi quando la situazione si è calmata li ho fatti entrare nel salone della chiesa, ma i ragazzi non sono tranquilli, perché dicono che la polizia li sta cercando. Non so quanto per quanto questa soluzione può andare avanti, forse un paio di giorni”

I migranti che per ora hanno trovato rifugio nella chiesa di padre Marcoaldi, che si trova al centro di Ventimiglia, sono una settantina.

Ricordiamo che l’ordine di aprire le porte delle parrocchie ai migranti è partito da Papa Francesco, che ha raccomandato di far entrare quanta più gente è possibile, quanta se ne riesce ad accogliere a qualsiasi ora del giorno e della notte.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO