Mogadiscio, al Shabaab attacca albergo: 16 morti e 55 feriti

Il commando era composto da almeno tre terroristi che hanno fatto esplodere un’autobomba all’ingresso dell’Hotel Ambassador

È di 16 morti e 55 feriti il bilancio dell’attacco avvenuto nella capitale somala di Mogadiscio a opera degli integralisti islamici di al Shabaab. Secondo le informazioni fornite dalla polizia fra le vittime vi sono anche due parlamentari e a realizzare l’attacco sarebbe stato un commando composto da tre terroristi.

Inizialmente gli aggressori hanno lanciato un’autobomba contro l’ingresso dell’Hotel Ambassador che si trova nella centrale via Makkah Almukarramah.

Il kamikaze a bordo dell’auto è morto e l’esplosione ha aperto un varco nell’edificio, danneggiandone gravemente la facciata.

Una volta aperta la breccia e approfittando del caos successivo all’esplosione, gli altri due jihadisti sono entrati nell’albergo e hanno iniziato a sparare a caso contro chiunque capitasse loro a tiro. Le forze di sicurezza somale hanno immediatamente isolato la zona e predisposto un piano per eliminare il commando.

Un’ora dopo l’inizio dell’attacco, l'Agenzia nazionale di informazione e sicurezza somala (Nise) ha riferito che le forze di polizia hanno fatto irruzione mettendo in sicurezza tre piani dell'albergo e portando in salvo almeno dieci persone. I due terroristi, hanno aggiunto, si sono trincerati ai piani alti continuando a sparare.

Via | Ansa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO