Morte Buonanno, la compagna Maria: "Ero addormentata, non mi sono accorta di nulla"

Continuano le indagini della Polstrada e della Procura di Busto Arsizio sull'incidente che ha visto come vittima Gianluca Buonanno. Importanti in tal senso le testimonianze delle altre persone che hanno vissuto l'incidente stradale in prima persona.

Maria Bernadette Mariotti, compagna dell'europarlamentare rimasto ucciso, ha riferito: "Ero addormentata, non mi sono accorta di nulla". La 43enne è ferita ma non in pericolo di vita.

Il giornale La Provincia di Como ha raccolto la testimonianza dell'altro uomo coinvolto nell'incidente, il quale si trovava nella sua auto in corsia d'emergenza e che è stato colpito proprio dalla vettura di Buonanno: "Mi sono accorto di aver bucato. Sono sceso sulla corsia d’emergenza [...] ho fatto scendere i due occupanti, che si sono posizionati oltre il guard-rail ed ho chiamato attraverso mio fratello che si trovava in albergo l’assistenza. Ho rispettato i protocolli. Da quando sono risalito in macchina al momento del “botto” saranno passati 30 secondi. Ho capito che qualcuno aveva centrato la mia auto".

A ricordare le ultime ore di vita di Buonanno è don Luca Giansante, parroco di Tremezzo e Griante, il quale aveva passato la giornata proprio con il leghista e la compagna: "Abbiamo parlato di tutto, era molto affabile, lontano dall’immagine 'esagerata' che abbiamo visto sui giornali - racconta il prete al Corriere -. Alle 16 erano in partenza ma prima volevano passare alla lapide di Mussolini, che si trova poco fuori il paese... non so se poi ci siano stati. Ci siamo salutati con un arrivederci: aveva promesso di tornare e che saremmo andati a Bellagio insieme, la prossima volta. Non potevamo credere alle notizie che giungevano dopo un’ora".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO