USA, Ikea ritira dal mercato le cassettiere Malm dopo la morte di 3 bambini

Dopo la morte di cinque bambini - tre dei quali negli Stati Uniti tra il 2014 e il 2016 - schiacciati da una cassettiera Malm che non era stata fissata al muro, Ikea ha deciso di ritirare dalla vendita la famosa cassettiera da tutti i negozi della catena tra gli Stati Uniti e il Canada e di ritirare i 29 milioni di pezzi venduti dal 2002 ad oggi, offrendo ai clienti un rimborso per la restituzione.

Il colosso svedese, già nel 2015, dopo il secondo decesso di un bimbo travolto dal Malm, aveva offerto a tutti i possessori della cassettiera la possibilità di ritirare gratuitamente in negozio uno kit per il fissaggio del mobile alla parete - già incluso nella confezione al momento dell’acquisto - e invitato tutti i clienti a seguire le istruzioni in fase di montaggio, dove era ben indicato che il mobile andava fissato al muro per evitare spiacevoli conseguenze.

La conferma della mossa di Ikea è stata confermata dal presidente di Ikea USA Lars Petersson, che ha invitato tutti i possessori della cassettiera a rimuoverla da ogni stanza accessibile ai bambini se non correttamente ancorata al muro.

I possessori di Malm, come spiegato dalla stessa Ikea, dovranno contattare subito l’azienda per ricevere gratuitamente un kit per l’ancoraggio al muro e un rimborso totale o parziale a seconda dei casi. Oltre alla serie Malm, il richiamo vale per tutta una serie di cassettiere vendute da Ikea.

Intanto, dopo la decisione presa negli Stati Uniti e in Canada, fioccano le polemiche in Spagna e Inghilterra, dove la catena continuerà a vendere la cassettiera Malm nonostante, lo denuncia la stampa locale, anche in questi Paesi siano stati registrati incidenti legati al capovolgimento del mobile.

Via | IKEA

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO