Dacca, attentato alla caffetteria: uccisi 20 ostaggi e 6 terroristi

3 luglio 2016 - A più di 24 ore dal massacro nella caffetteria di Dacca, la Farnesina ha confermato l’identità dei 9 cittadini italiani uccisi dagli attentatori: Adele Puglisi, Marco Tondat, Claudia Maria D'Antona, Nadia Benedetti, Vincenzo D'Allestro, Maria Riboli, Cristian Rossi, Claudio Cappelli e Simona Monti.

Nessun altro, precisa il Ministero degli Affari Esteri, risulta attualmente disperso. L’unico italiano di cui non si avevano notizie è riuscito a mettersi in contatto coi propri familiari e confermare il suo stato di buona salute.

Tra le altre vittime dell’attentato, oltre a due poliziotti, ci sono sette cittadini giapponesi, uno statunitense e uno indiano.

Il ministro dell’Interno del Bangladesh ha precisato che gli attentatori non sarebbero legati allo Stato Islamico, ma farebbero parte di uno gruppo locale bandito ormai da circa dieci anni:

Sono membri del Jamaeytul Mujahdeen Bangladesh e non hanno alcun legame con lo Stato Islamico.

Dacca, terminato l’assedio nella caffetteria

12.40 - La Farnesina non ha ancora confermato il bilancio dei cittadini italiani rimasti uccisi nell’attentato di ieri sera, ma ha precisato che al momento dell’assalto erano 11 gli italiani che stavano cenando nel locale.

10.46 - La nazionalità degli ostaggi uccisi all’interno dell’Holey Artisan Bakery non è stata ancora confermata ufficialmente, ma Shahab Uddin, portavoce dell'esercito bengalese, ha sottolineato che si tratta in maggior parte di cittadini italiani e giapponesi.

10.00 - Il governo del Bangladesh ha comunicato che almeno 20 ostaggi sarebbero stati uccisi dai terroristi dell’ISIS prima del raid di questa mattina che ha messo fine all’assedio. Le operazioni di identificazione dei corpi sono ancora in corso.

9.45 - Si è concluso poco fa, dopo 12 ore, l’assedio dei terroristi all’interno della caffetteria Holey Artisan Bakery di Dacca, in Bangladesh, grazie all'intervento delle forze speciali locali, riuscite a fare irruzione nel locale, uccidere sei attentatori e a trarre in salvo 13 degli ostaggi.

La conferma è arrivata dal primo ministro Sheikh Hasina, secondo il quale uno dei terroristi sarebbe stato arrestato:

Si è trattato di un atto estremamente efferato. Che tipo di musulmani sono questi? Non hanno alcuna religione. Il mio governo è determinato è sradicare il terrorismo in Bangladesh.

Il bilancio è ancora avvolto dal mistero, ma sappiamo che 13 dei circa 20 ostaggi sono stati liberati e che i militari si trovano ancora all’interno della struttura per le verifiche del caso. Fin dai primi istanti si era parlato di circa sei morti tra le persone prese in ostaggio, ma al momento non si hanno conferme circa la loro nazionalità.

La Farnesina tace sulle sorti dei sette cittadini italiani coinvolti nell’attentato.

Bangladeshi police officers take cover as a man lies on the ground near the Holey Artisan Bakery restaurant during an attack by unidentified gunmen in Dhaka's high-security diplomatic district on July 2, 2016. Gunmen stormed a crowded restaurant popular with foreigners in the Bangladeshi capital on July 1 night, apparently taking diners hostage and sparking a firefight with police in which at least two officers were killed, police and witnesses said. / AFP / STR        (Photo credit should read STR/AFP/Getty Images)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO