Domenica tragica in montagna

Due alpinisti bergamaschi sono morti sul Monte Disgrazia. Deceduto anche uno skyrunner precipitato durante una SkyMaraton in Valcamonica

FORT WILLIAM, SCOTLAND - FEBRUARY 17:  Rescuers resume a search with help from a Coastguard helicopter for two experienced climbers missing on Ben Nevis on February 17, 2016 in Fort William,Scotland. Climbers Rachel Slater, 24, and Tim Newton, 27 from Bradford, had been climbing over the weekend but were reported missing on Monday.  (Photo by Jeff J Mitchell/Getty Images)

Il 37enne Roberto Rota e il 34enne Fabio Noris sono deceduti questa mattina dopo essere precipitati sulla parete nord del Monte Disgrazia, in provincia di Sondrio.

Secondo quanto riferito dal Soccorso alpino, i due alpinisti erano saliti in vetta in cordata lungo la via normale e uno dei due deve aver perso l’equilibrio trascinando l’altro con sé.

Sul posto si è recata l’eliambulanza e sono intervenute a supporto le squadre della VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna del Cnsas Lombardia (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico).

Proprio oggi alcune squadre di soccorso sono riuscite a recuperare il corpo di Roberto Dioli, un alpinista scomparso il 20 aprile scorso a causa di una grande valanga. Le ricerche effettuate fra la Valmalenco e la Svizzera non avevano dato buon esito, ma quest’oggi il cadavere è stato ritrovato in territorio svizzero, non lontano dal confine italiano.

Sempre in Lombardia, nel bresciano, si è verificato un incidente mortale che ha coinvolto un concorrente della SkyMarathon, la marathon che si disputa in Valcamonica, tra Corteno Golgi e Santicolo. L’uomo, di 52 anni, ha perso l’equilibrio ed è precipitato per 200 metri. Per lui non c’è stato nulla da fare: troppo gravi le ferite riportate nella caduta.

Via | Corriere

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO