Papa Francesco: "Tutte le fedi dicano che uccidere in nome di Dio è satanico"

Si è tenuta questa mattina, nella cappella della domus di Santa Marta in Vaticano, la messa in suffragio di Padre Jacques Hamel, il prete ucciso il 26 luglio di quest'anno nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray.

Papa Francesco ha ricordato il prete francese con queste parole:

Padre Jacques Hamel è stato sgozzato sulla Croce, proprio mentre celebrava il sacrificio della Croce di Cristo. Uomo buono, mite, di fratellanza, che sempre cercava di fare la pace, è stato assassinato come se fosse un criminale. Questo è il filo satanico della persecuzione. Ma c’è una cosa, in quest’uomo che ha accettato il suo martirio lì, con il martirio di Cristo, all’altare, c’è una cosa che mi fa pensare tanto: in mezzo al momento difficile che viveva, in mezzo anche a questa tragedia che lui vedeva venire, un uomo mite, un uomo buono, un uomo che faceva fratellanza, non ha perso la lucidità di accusare e dire chiaramente il nome dell’assassino, e ha detto chiaramente: “Vattene, Satana!

Bergoglio si rivolge a tutte le fedi religiose:

La crudeltà che chiede l’apostasia – diciamo la parola – è satanica. E quanto sarebbe bene che tutte le confessioni religiose dicessero: “Uccidere in nome di Dio è satanico”.

"Padre Jaques è un martire", ribadisce in conclusione Papa Francesco:

Questo esempio di coraggio, ma anche il martirio della propria vita, di svuotare sé stesso per aiutare gli altri, di fare fratellanza tra gli uomini, aiuti tutti noi ad andare avanti senza paura. Che lui dal Cielo – perché dobbiamo pregarlo, è un martire!, e i martiri sono beati, dobbiamo pregarlo – ci dia la mitezza, la fratellanza, la pace, e anche il coraggio di dire la verità: uccidere in nome di Dio è satanico.

Alla messa erano presenti 80 pellegrini della diocesi di Rouen e il vescovo Dominique Lebrun.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO