Calizzano, pullman diversi per studenti e migranti

Il sindaco Pierangelo Olivieri ha preso la decisione di concerto con la cooperativa Il Faggio

hote-lux-calizzano.jpg

Stop ai pullman comuni per studenti e migranti a Calizzano, in provincia di Savona. La decisione del sindaco Pierangelo Olivieri è stata motivata con l’intenzione di evitare liti e screzi fra i quaranta profughi ospiti dell’albergo Lux e i cittadini della piccola località delle montagne valbormidesi.

Il sindaco ha preso accordi con la Cooperativa Il Faggio che gestisce il trasporto da e per Calizzano:

“Abbiamo ottenuto l'impegno da parte della Cooperativa a sensibilizzare i loro ospiti affinché evitino, se non necessario, di utilizzare le due corriere delle 6,30 e 6,45, indirizzandosi verso i pullman successivi; così come la cooperativa sposterà in altri orari eventuali iniziative che costringano gli ospiti di Calizzano a servirsi di quelle corriere già congestionate”

ha spiegato il sindaco Olivieri aggiungendo che la Tpl proporrà alla cooperativa un abbonamento convenzionato per risolvere il problema del mancato pagamento del biglietto.

Su Olivieri sono piovute accuse di razzismo che il sindaco ha respinto al mittente affermando di avere fornito, negli ultimi due anni, tutta l’accoglienza necessaria ai profughi.

Ben diverso l’atteggiamento della cooperativa Il Faggio che sostiene come l’iniziativa del sindaco sia “degna del peggiore stato di apartheid” e una “divisione tra italiani e stranieri sui bus, che andrebbe a ledere i diritti umani e che non fa parte di una cultura civile”.

Venerdì scorso all’albergo Lux di Calizzano è scoppiata una rissa fra profughi di origine nigeriana e ivoriana, con tre persone ferite. L’episodio ha convinto il sindaco a convocare un vertice con carabinieri, prefettura, questura e la cooperativa.

Via | TgCom | La Stampa

Foto | Google Street View

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO