Terremoto nel centro Italia, inagibile l’ospedale di Amandola (FM): evacuati tutti i malati

Le continue scosse assestamento dopo il forte sisma che ha messo in ginocchio il centro Italia - tra Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo - continuano a provocare danni agli edifici e le strutture già fortemente provate dalle scosse del 26 e del 30 ottobre scorsi, ma anche di quello del 24 agosto.

L’ospedale di Amandola, piccolo comune in provincia di Fermo, nelle Marche, è stato definitivamente dichiarato inagibile poche ore fa. Parte dell’edificio era già stata danneggiata seriamente dopo la forte scossa del 24 agosto e alcuni dei pazienti di degenza già in quella occasione erano stati trasferiti in altre strutture tra la provincia di Fermo e quella di Ascoli Piceno.

Venerdì sera, però, è arrivata la dichiarazione di inabilità anche per la parte che era rimasta in piedi. Lo ha confermato il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli:

La verifica sulla struttura dell’Ospedale di Amandola ha purtroppo dato l’esito peggiore che ci potessimo augurare: l’inagibilità grave dopo le recenti scosse. Ma non vogliamo rinunciare ai servizi. Già nelle prossime ore arriveranno tensostrutture, garantendo la presenza di un’ambulanza, 118 e punto di primo intervento, quindi i servizi essenziali.

Nelle prossime ore la Protezione Civile Nazionale farà arrivare ad Amandola quattro moduli da 40 mq ciascuno che serviranno a ripristinare, almeno in parte, le attività ambulatoriali, mentre successivamente arriveranno tutte le tecnologie necessarie per riaprire il servizio di dialisi e la risonanza magnetica.


L'ospedale di Amandola from Nico Piro on Vimeo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO