Roma, identificata la giovane senza fissa dimora: è una 21enne svedese

18.50 - Lo svedese Tahvo Jauhojärvi ha identificato la giovane senza fissa di dimora avvistata a Roma in queste ultime settimane come sua figlia, la 21enne Embla Jauhojärvi, originaria di Stoccolma e giunta in Italia sei mesi fa per studiare l’italiano.

Di lei, affetta dalla sindrome di Asperger, si erano perse le tracce pochi giorni dopo il suo arrivo a Roma. Le autorità svedesi, subito avvisate dalla famiglia della giovanissima, non erano riuscite a localizzarla. Ora anche le autorità italiane si mobiliteranno per rintracciare la 21enne e aiutarla a ricongiugersi con la famiglia in Svezia.

22 novembre 2016 - Si stanno moltiplicando gli appelli sui social network per l’identificazione di una ragazza bionda che da tempo vive per le strade di Roma. La giovane parla soltanto inglese e, secondo chi ha lanciato gli appelli e sta seguendo da vicino la vicenda, non sembra abituata a vivere per strada e non accetta soldi da chi si è offerto di darle una mano.

Ne ha parlato di recente anche la trasmissione televisiva Chi L’Ha Visto?, spiegando che secondo il comando provinciale del Lazio, che ha fermato la giovane per un controllo, “non risultano denunce di scomparsa o segnalazioni di ricerche internazionali che corrispondano alle generalità che la ragazza ha fornito quando è stata fermata per controlli”.

La giovane dice di chiamarsi Maria - in varie occasioni, però, ha fornito nomi diversi - e di non aver bisogno di aiuto, ma chi ha avuto modo di avvicinarla sostiene l’esatto contrario: indossa ormai da settimane gli stessi abiti, non porta con sé alcun effetto personale e non si reca in nessuno dei rifugi per senzatetto della Capitale.

La pagina Facebook Missing Persons of America sta seguendo con attenzione gli ultimi sviluppi e sta tentando di associare la misteriosa giovanissima con alcuni dei casi di ragazze e bambine scomparsa negli ultimi anni, a cominciare da quello di Madeleine McCann, svanita nel nulla in Portogallo nel 2007.

Al momento la giovanissima non è ancora stata identificata, ma l’intensificarsi degli appelli potrebbe portare presto a una svolta.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO