Incidente nave Messina: tre morti per esalazioni tossiche

porto-messina.jpg Incidente sul lavoro ieri pomeriggio nel porto di Messina: tre operai sono morti mentre stavano effettuando dei lavori di manutenzione (o, secondo alcune fonti, solo un'ispezione) ad una cisterna del traghetto Sansovino. Le vittime sono state stroncate dalla esalazioni tossiche.

La dinamica dell'incidente ancora non è chiara. Scrive Repubblica Palermo: "I marittimi stavano effettuando la pulizia all'interno del locale sentina della nave, nel quale si sono sprigionate esalazioni tossiche. Potrebbero essere state fatali le esalazioni di idrogeno solforato provenienti da una di nafta".

La Sicilia invece dà un'altra versione: "Gli operai si sarebbero sentiti male mentre stavano eseguendo dei lavori di saldatura, in seguito alla fuoriuscita di gas".

Oltre ai tre morti ci sono anche sei feriti, di cui uno in gravissime condizioni.

Questa la nota di Caronte&Tourist, compagnia proprietaria della nave Sansovino: "È con grande dolore che apprendiamo la notizia della morte di tre operai e del ferimento di un altro marittimo a bordo della nave “Sansovino” della Caronte & Tourist Isole Minori. Intendiamo esprimere vicinanza alle famiglie delle persone coinvolte nell'incidente e presteremo la massima collaborazione affinché si chiarisca la dinamica dei fatti, al momento al vaglio degli inquirenti. Nel frattempo abbiamo attivato una commissione interna d'inchiesta in modo da fare luce sull'accaduto nel più breve tempo possibile".

Non è mancato il cordoglio di politica e istituzioni. Renzi parla di "un dolore insopportabile, una ferita nel cuore dell'Italia che lavora", Mattarella dice che "ogni morte sul lavoro è inaccettabile in un paese come il nostro".

È già stata avviata un'inchiesta da parte della Procura di Messina: si indaga contro ignoti per il reato ipotizzato di omicidio colposo e lesioni.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO