Truffe telefoniche internazionali, in Spagna arrestati 200 cittadini cinesi

Con un maxi-blitz organizzato tra Alicante, Madrid e Barcellona la Polizia spagnola ha arrestato ieri 200 cittadini di nazionalità cinese, tutti sospettati di aver truffato oltre 16 milioni di euro ai loro concittadini in Cina gestendo alcuni call center aventi sede in alcune ville di lusso, situate nei quartieri bene delle città.

Secondo quanto ricostruito da Askanews la banda di truffatori, che aveva messo in piedi una vera e propria azienda della truffa, chiamava i propri concittadini al telefono, in Cina, fingendo di essere amici o familiari avvertendoli di una fantomatica truffe. Poi in chiamate successive, fingendosi poliziotti, li convincevano a versare dei soldi su un conto corrente per aiutare le autorità nella loro attività d'indagine.

I responsabili della truffa, ha spiegato la polizia spagnola, sarebbero arrivati in Spagna come turisti e successivamente stabilitisi nel Paese in modo clandestino: gli immigrati cinesi in Spagna costituiscono la quinta più grande comunità straniera con quasi 170mila persone arrivate solo dal 2015.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO