Livorno: scoperto giro di fatture false da 60 milioni, due arresti

Maxi operazione anti-frode fiscale nel settore del commercio dei prodotti hi-tech: individuato un giro di fatture false da 60 milioni di euro.

L'operazione della Guardia di Finanza è partita da Livorno: due imprenditori della città sono finiti ai domiciliari su ordinanza del gip. Per altre due persone, sempre di Livorno, applicata la misura dell'obbligo di firma. L'accusa è quella di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale.

L'ammontare del giro di fatture false è di circa 60 milioni di euro, con triangolazioni fittizie tra Francia, Germania, Livorno, Bolzano ed Avellino.

I prodotti in vendita, di tipologia hi-tech, erano destinati alla grande distribuzione e al commercio via web.

Coinvolte nell'indagine anche altre quattro persone. Si è provveduto anche al sequestro preventivo di conti correnti immobili e auto per 4 milioni di euro.

L'indagine è scattata in seguito ai controlli fiscali effettuati in un'impresa di Livorno: le persone coinvolte, a vario titolo, evadevano l'iva attraverso queste triangolazioni fiscali.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO