Ndrangheta, rinvio a giudizio per un senatore

È accusato di associazione mafiosa assieme ad altre 82 persone.

schermata-2017-02-10-alle-11-34-08.png

Per il senatore ex Pdl (ora in Gal, il gruppo che fa riferimento a Denis Verdini) Antonio Caridi e per altre 82 persone è stato chiesto il rinvio a giudizio da parte della Dda di di Reggio Calabria. Sono accusate di associazione mafiosa, voto di scambio, violazione della legge Anselmi, corruzione, estorsione, truffa, falso ideologico e rivelazione di segreti d’ufficio.

Caridi si è era costituito nell'agosto scorso, dopo che il parlamento aveva concesso l'autorizzazione all'arresto. Secondo l'accusa, sarebbe in stretto legame con la cupola ndranghetista.

Caridi, 47 anni, è figlio dell'ex vicesindaco, in quota DC, di Reggio Calabria ed è di professione audiometrista. I suoi primi passi in politica li ha compiuto nel 1997, quando divenne consigliere comunale di Reggio Calabria per l'Udc. Nel 2010 il passaggio in consiglio regionale e all'assessorato alle attività produttive. Nel 2013 l'elezione al senato.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO