Vicepresidente Samsung a processo: l'arrivo in tribunale a Seul

È iniziato a Seul, capitale della Corea del Sud, il processo a Lee Jae-yong, vicepresidente di Samsung nonché rampollo della famiglia che ha fondato il gigante mondiale dell'elettronica.

Lee Jae-yong, presente in tribunale, dovrà rispondere di alcune accuse legate allo scandalo nazionale che ha portato anche alla destituzione e agli arresti, una settimana fa, della ex presidente coreana Park Geun-hye coinvolta in un'inchiesta per corruzione e abuso d'ufficio.

La magistratura sudcoreana accusa Lee Jae-yong di appropriazione indebita di fondi, di spergiuro e di avere avuto un importante ruolo nella vicenda che ha travolto l'ex presidente. Lee Jae-yong, sempre secondo chi indaga, avrebbe pagato molto profumatamente la sciamana confidente della ex presidente.

La sciamana avrebbe ricevuto la bellezza di 36 milioni di dollari, in cambio di favori da parte del governo per la ristrutturazione dell'azienda fondata dalla famiglia dell'imputato. Accuse che ora, ovviamente, dovranno trovare riscontro in aula.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO