La Spezia: sgominata cellula neonazista

cellula neonazista la spezia

Una presunta cellula neonazista è stata scoperta dai carabinieri di La Spezia che contestano ai sei indagati di aver creato una "associazione finalizzata all'incitamento, alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e nazionali”. I sei sono accusati anche di danneggiamento e danneggiamento seguito da incendio aggravato.

In base agli accertamenti dei carabinieri il gruppo organizzava ronde “punitive” contro gli extracomunitari oltre a dare alle fiamme i raccoglitori di indumenti usati della Caritas diocesana spezzina e un macchinario in una cava. La base logistica del gruppo neonazista era una roulotte parcheggiata in un bosco di Follo (La Spezia), dove sono state trovate istruzioni per fabbricare bombe rudimentali, con componenti facilmente reperibili.

Con le perquisizioni domiciliari nelle case dei sei indagati, a tre indagati di loro è stato notificato l'obbligo di dimora nel comune di residenza con il divieto di allontanamento da casa nelle ore notturne.

L’inchiesta, denominata Aurora, era partita a maggio 2016 dopo che l’esterno di una sede del locale del Pd era stata imbrattata con simboli nazisti. Già all’epoca le perquisizioni avevano portato al ritrovamento di armi bianche e materiale cartaceo e informatico d’ispirazione nazista.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO