Rigopiano, gli ultimi sms di Paola: "Salutami Mamma"

Durante le indagini sono venuti alla luce i messaggi disperati di una delle 29 vittime della tragedia dell'Hotel Rigopiano.

hotel-rigopiano.jpg

Paola Tomassini, 46 anni, è una delle ventinove vittime della tragedia dell’Hotel Rigopiano, travolto da una valanga lo scorso 18 gennaio. Paola fu ritrovata, morta, con il cellulare, spento, tra le mani cinque giorni dopo. I carabinieri hanno preferito non riaccendere quel cellulare per non aggiungere dolore alla famiglia. Durante l’inchiesta, ancora in corso ed in cui sono indagate sei persone per ora, però è stato necessario farlo.

Sono venute a galla le ultime speranze e gli ultimi saluti, quando ormai era allo stremo delle forze, di Paola. E' rimasta viva sotto le macerie per ben 40 ore. La donna era in vacanza con il fidanzato, anche lui morto sotto le macerie. Il primo messaggio è per l’amica del cuore, Rosy, “C’è stata un’esplosione, sono bloccata dalle macerie, aiutoooo”.

Paola spegne e riaccende il cellulare per risparmiare batteria. Proverà ad utilizzare anche Whatsapp, ma la mancanza di campo sotto le macerie è totale. Invierà, in totale, tredici messaggi e proverà a chiamare ben 15 volte. Tutte senza successo. L’ultimo messaggio, quello più toccante, è per la famiglia: “Vi amo tutti. Salutami mamma”.

Tra gli indagati ci sono il presidente della Provincia di Pescara, Antonio di Marco, e il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta. Una lista che, probabilmente, è destinata ad allungarsi. .

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO