Legittima difesa, nuova legge: ecco cosa cambia - Video

La nuova legge sulla legittima difesa è stata votata dalla camera dei deputati e ora è attesa per il passaggio in Senato. Ma cosa dice la nuova normativa che tante reazioni e polemiche sta scatenando? I cambiamenti riguardano due articoli, il 52 e il 59 del codice penale e sono tre i punti centrali interessati dalle novità e ancora suscettibili di modifiche durante l'iter della legge.

Per prima cosa, secondo quanto approvato a Montecitorio, nei casi di violazione del domicilio si può invocare la legittima difesa quando "l'aggressione è commessa di notte" o con "introduzione nel domicilio con violenza" o "con minaccia e con inganno". Degli "ovvero" usati nel testo della legge al posto di "oppure" avevano fatto pensare che si potesse reagire solo di notte, da qui un mare di polemiche.

Altro cambiemento è relativo al fatto che nel proprio domicilio è sempre esclusa la colpa quando si usa un'arma autorizzata ma solo se si verificano due condizioni: l'intruso deve provocare "un grave turbamento psichico" e deve esserci "un pericolo attuale per la vita, per l'integrità fisica o per la libertà personale o sessuale". Infine se se viene dichiarata la non punibilità per legittima difesa, "onorari e spese" per il processo saranno a carico dello Stato.

La nuova legge sula legittima difesa è passata con i soli voti "governativi" del Partito Democratico e di Alleanza Popolare, per il resto tutti contro, dalla Lega di Salvini a Forza Italia fino a al Movimento 5 Stelle.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO