Veterinario ucciso: fermato suo collaboratore 23enne

veterinario ucciso

Svolta nelle indagini sull'omicidio del veterinario maceratese di 54 anni trovato cadavere ieri mattina in una ambulanza veterinaria nelle campagne di Osimo. L'uomo secondo chi indaga sarebbe stato ucciso, con numerose coltellate, da un suo collaboratore, un giovane ascolano di 23 anni che viaggiava con lui in ambulanza e che agli investigatori aveva raccontato di una improvvisa aggressione a scopo di rapina da parte di una banda di quattro persone occorsa mentre lui e il medico viaggiavano lungo la Chiaravallese per raggiungere un maneggio dove avrebbero dovuto prestare soccorso.

Quando è stato trovato il cadavere del veterinario però il 23enne non c'era: rintracciato poco dopo, ferito a una mano e a una gamba, aveva fornito la sua versione dei fatti, apparsa da subito poco convincente. Messo sotto torchio per tutta la notte il presunto responsabile del delitto alla fine è stato posto in stato di fermo per l'accusa di omicidio. Il provvedimento eseguito questa mattina dai carabinieri. Il ragazzo è stato tradotto nel carcere di Montacuto a disposizione dell'autorità giudiziaria. Niente trapela ancora sul possibile movente dell'omicidio.

Ancona: veterinario ucciso a coltellate, è giallo

21 maggio 2017. È avvolta nel mistero la fine di O.P., il veterinario residente a Montelupone (Macerata) trovato cadavere questa mattina dentro un'ambulanza veterinaria che era accostata lungo la via Chiaravallese fra Osimo e Polverigi (Ancona). Con il veterinario ucciso, di 54 anni, viaggiava un collaboratore, un trentenne ascolano che non era a bordo dell'ambulanza quando è stato scoperto il delitto ma che è stato rintracciato poco dopo dai carabinieri.

L'uomo, che è ferito alla gamba e a una mano, si trova adesso nell'ospedale di Osimo. Non è indagato, da quel che se ne sa finora, ma è stato sentito come persona informata sui fatti. Dopo la scoperta del corpo sul posto sono arrivati anche il magistrato di turno e il medico legale che ha eseguito i primi rilievi.

Secondo una primissima ricostruzione dei militari dell'arma di Osimo, il veterinario e il suo assistente stavano andando a Polverigi (Ancona) per prestare assistenza presso un maneggio. Il collaboratore del veterinario ucciso ha raccontato che verso le 9:30 lui e la vittima sono stati aggrediti da alcune persone che poi si sono date alla fuga.

Quale sarebbe il motivo dell'aggressione non è ancora chiaro. I carabinieri di Osimo e del Reparto investigativo di Ancona che conducono le indagini sono al lavoro su diverse ipotesi per spiegare l'omicidio e identificare il responsabile o i responsabili: dalla rapina finita in tragedia alla lite violenta nessuna pista per ora viene portata avanti con maggiore convinzione dagli investigatori.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO