Torino, 60enne senza fissa dimora picchiato e dato alle fiamme

13.50 - Una persona di cui non è stata resa nota l'identità è stata fermata nella tarda mattinata di oggi in relazione all'aggressione ai danni del 60enne senza fissa dimora Ghitza, ancora ricoverato in ospedale in gravi condizioni.

La posizione della persona fermata è ancora al vaglio degli inquirenti, così come lo sono i racconti di testimoni oculari vicini alla vittima, a cominciare da quello dell'amico Lucian, che ha riferito di una discussione avvenuta ieri mattina tra Ghitza e un connazionale:

Come tutti, faceva i suoi bisogni nel parco ma a qualcuno dava fastidio ed era stato minacciato. Proprio ieri mattina qualcuno gli aveva detto che se lo avesse rivisto farlo gli avrebbe dato fuoco e così è stato.

Le indagini proseguono.

29 ottobre 2017 - Un uomo di 60 anni, identificato dalle forze dell'ordine tramite il cognome Ghitza, è stato aggredito la notte scorsa a Torino da ignoti che lo hanno prima picchiato e infine dato alle fiamme.

L'aggressione è avvenuta nel quartiere di Borgo Aurora, dove l'uomo, originario della Romania, viveva da circa cinque anni. Da qualche mese, come riferito da alcuni residenti, il 60enne era solito trascorrere la notte su una panchina nei giardini Madre Teresa di Calcutta tra corso Vercelli e corso Giulio Cesare.

Secondo quanto riferito da un testimone oculare, ad aggredire il 60enne, ora ricoverato in gravi condizioni all'ospedale San Giovanni Bosco, sarebbe stato un altro cittadino romeno senza fissa dimora, un conoscente della vittima, per motivi ancora da chiarire. L'uomo, non ancora rintracciato dai militari, avrebbe lanciato contro il 60enne un flacone di alcol e dopo aver appiccato le fiamme si sarebbe dato alla fuga.

La vittima, secondo l'ultimo bollettino medico, è ricoverata in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita.

giardino-madre-teresa-di-calcutta-torino-06.jpg

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO