Sassari, ricattata dopo video hard: suicida 22enne

tribunale-di-tempio-pausania.jpg

Tre persone sono state indagate dalla Procura di Tempio Pausania, in provincia di Sassari, in relazione al suicidio di una ragazza di 22 anni, Michela D., originaria di Porto Torres, morta suicida a casa di una sua amica alla Maddalena nella notte tra il 4 e il 5 novembre scorso.

Alla base del disperato gesto, secondo la ricostruzione della Procura, ci sarebbe stato un ricatto da parte di tre conoscenti della giovane, che l'avrebbero minacciata di diffondere un video hard che la vedeva come protagonista.

A tre settimane dal suicidio della 22enne, la Procura ha iscritto nel registro degli indagati i tre conoscenti di Michela D., anche loro originari di Porto Torres, ipotizzando l'accusa di istigazione al suicidio, diffamazione aggravata e tentata estorsione.

La giovane, sempre secondo la Procura, sarebbe stata filmata a sua insaputa durante un rapporto sessuale. La 22enne aveva raccontato, senza sporgere denuncia, di essere stata narcotizzata nella propria abitazione da un gruppo di persone ed essere stata aggredita e derubata di mille euro. Non è chiaro, al momento, se il filmato all'origine di quel ricatto sia stato girato proprio in quell'occasione.

Le indagini e gli accertamenti della Procura proseguono.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO