Venezia, il professore "mummificato" aveva una sorella: sarà lei ad ereditare

venezia cadavere mummificato

Aggiornamento 24 Marzo - Il ritrovamento del cadavere mummificato di Lelio Baschetti ha fatto scalpore. Da ben 7 anni era passato a miglior vita, ma nessuno in questo lasso di tempo ha sentito la necessità di mettersi in contatto con lui. Una storia di solitudine estrema, che lascia veramente perplessi. Eppure Baschetti non era solo al mondo, ma aveva una sorella che viveva non lontano dalla sua abitazione.

Il Professor Baschetti non aveva rapporti con la sorella da circa 10 anni e adesso sarà proprio lei ad ereditare il suo piccolo appartamento di 60 metri quadrati e circa 100mila euro in contanti, ovvero i risparmi dell'uomo al netto dei circa 80mila euro che l'INPS gli ha versato a titolo di pensione non avendo avuto notizia della sua morte.

Lelio Baschetti era una persona schiva, tranne quando si trovava nelle aule di scuola per insegnare matematica e fisica. Uno dei suoi studenti ha riportato una frase eloquente che il professore una volta pronunciò dopo le vacanze estive: "Scusate se faccio fatica a parlare, ma non ho parlato con nessuno per tutta l’estate".

Venezia: trovato mummificato il cadavere di un professore

Aggiornamento 24 Marzo - Il ritrovamento del cadavere mummificato di Lelio Baschetti ha fatto scalpore. Da ben 7 anni era passato a miglior vita, ma nessuno in questo lasso di tempo ha sentito la necessità di mettersi in contatto con lui. Una storia di solitudine estrema, che lascia veramente perplessi. Eppure Baschetti non era solo al mondo, ma aveva anche una sorella che viveva non lontano dalla sua abitazione.

Il Professor Baschetti non aveva rapporti con la sorella da circa 10 anni e adesso sarà proprio lei ad ereditare il suo piccolo appartamento di 60 metri quadrati e circa 100mila euro in contanti, ovvero i risparmi dell'uomo al netto dei circa 80mila euro che l'INPS gli ha versato a titolo di pensione non avendo avuto notizia della sua morte.

Lelio Baschetti era una persona schiva, tranne quando si trovava nelle aule di scuola per insegnare matematica e fisica. Uno dei suoi studenti ha riportato una frase che il professor pronunciò dopo le vacanze estive: "Scusate se faccio fatica a parlare, ma non ho parlato con nessuno per tutta l’estate".

Venezia: trovato mummificato il cadavere di un professore

Venezia - È stato trovato mummificato il cadavere del professore Lelio Baschetti, di cui si erano perse le tracce sostanzialmente dal 2011 e che era stato perfino cancellato dall’anagrafe del Comune nel 2013. Classe 1943, originario di Rimini, il professor Baschetti aveva lavorato per tanti anni tra Treviso e Venezia. L’intervento del Nucleo Natanti dei carabinieri ha consentito di ritrovare il cadavere dell’uomo, che si trovava su una brandina al centro dell’appartamento. La casa si trovava in uno stato generale di degrado, evidentemente abbandonata da diversi anni e con numerosi alimenti in stato di decomposizione. La presenza di bollette risalenti all’estate del 2011, sarebbero la prova che gli ultimi segnali di vita del professore sarebbero proprio relativi a quel periodo.

I primi riscontri sul corpo mummificato di Lelio Bachetti sarebbero compatibili con il decesso nella seconda metà del 2011 ed anche se non sono stati riscontrati segni di violenza o di traumi, la salma è stata trasportata presso l’obitorio dell’Ospedale Civile di Venezia e messa a disposizione dell’autorità giudiziaria nell’attesa che qualche parente del defunto sia in grado di effettuare un’identificazione esatta.

Venezia: il corpo di Baschetti scoperto da un ladro

Quanto al ritrovamento del cadavere, pare che a lanciare l’allarme con una chiamata al 112 sia stato un vicino di casa, entrato nella piccola abitazione dopo aver trovato la porta aperta. Ad aprirla, pare sia stato un topo d’appartamento, che dopo essersi intrufolato all’interno, è fuggito via alla scoperta del cadavere posto sulla brandina al centro della stanza. L’ufficio anagrafe del comune, intanto, lo aveva cancellato dai registri nel 2013 poiché non aveva più avuto riscontri in merito alla sua presenza in città. Rimane quantomeno strano, comunque, che nessuno si sia accorto della sua assenza o che il Comune non abbia effettuato, in 7 anni, un sopralluogo presso l'abitazione del professor Lelio Baschetti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO