Morta di parto la rifugiata respinta dai gendarmi francesi

rifugiata morta parto

È morta di parto la rifugiata arrivata dalla Nigeria e che ha tentato invano di varcare il confine francese da Bardonecchia. La donna era già incinta quando la gendarmeria le ha sbarrato la strada costringendola a tornare in Italia. La migrante, oltre ad essere in stato interessante, soffriva di un linfoma che ne ha compromesso la salute, ma non ha impedito ai medici di dare alla luce il bambino che portava in grembo. A soccorrerla, i medici dell’associazione “Rainbow for Africa”, impegnata a dare supporto quotidianamente a quei migranti che cercano di varcare il confine di Bardonecchia per recarsi in Francia dal territorio italiano.

Dopo i primi soccorsi da parte dei volontari, la ragazza, B.S., è stata trasportata presso l’ospedale di Rivoli, dove i medici hanno immediatamente constatato la grave situazione di salute della stessa e chiesto dunque il trasferimento presso il più attrezzato ospedale Sant’Anna di Torino. Qui è iniziata la degenza durata circa un mese, durante la quale i medici hanno cercato in tutti i modi di aiutare la donna e a portare a termine la gravidanza. Le condizioni di salute della rifugiata, però, sono peggiorate di giorni in giorno, ragion per cui la priorità dell’ospedale torinese è diventata il salvataggio del bambino che portava in grembo.

Il 15 marzo scorso, la decisione: visto il peggioramento repentino delle condizioni della ragazza, i medici del Sant’Anna l’hanno sottoposta ad un intervento chirurgico d’urgenza, praticando un parto cesareo. Nelle stesse ore in cui il bambino vedeva la luce, la migrante si spegneva. Il bimbo, nato prematuro e dal peso di soli 700 grammi, è stato trasferito nel reparto di Terapia intensiva universitaria del Sant’Anna, diretta dal prof. Bertino, in cui si trova attualmente ricoverato. Oggi, pesa 900 grammi e anche se non può considerarsi del tutto fuori pericolo, rappresenta un barlume di speranza per il papà, che è stato accanto alla compagna in ospedale per tutto il tempo della degenza.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO