Terrorismo: arrestati in Italia fiancheggiatori dell'attentatore di Berlino

terrorismo arresti

Terrorismo: la Procura di Roma ha disposto gli arresti, eseguiti dalla polizia, di alcune persone ritenute contigue alla rete di Anis Amri, il tunisino attentatore al mercatino di Natale di Berlino, ucciso a Sesto San Giovanni il 23 dicembre del 2016. In seguito alle indagini degli inquirenti capitolini, sono finiti in manette quattro cittadini tunisini domiciliati tra Napoli e Caserta, oltre ad un palestinese, il 38enne Abdel Salem Napulsi, già detenuto a Rebibbia.

Uno dei tunisini, sarebbe colui il quale avrebbe dovuto procurare ad Anis Amri i documenti falsi per poter lasciare l’Italia. I reati ipotizzati nei confronti dei 5 arrestati sono a vario titolo di addestramento e attività con finalità di terrorismo internazionale, associazione a delinquere finalizzata alla falsificazione di documenti e al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. L’operazione denominata “Mosaico” è ancora in corso ed ha portato a diverse perquisizioni tra le città di Latina, Roma, Caserta, Napoli, Matera e Viterbo. I dettagli si conosceranno con ogni probabilità nel corso di una conferenza stampa che la Procura di Roma terrà in giornata.

Gli arresti di oggi altro non sono che la conclusione delle indagini partite all’indomani dell’attacco terroristico del mercatino di Natale di Berlino. Amri, colui il quale si lanciò con un camion sui passanti nel 2016, era stato ospitato l’anno prima da un suo connazionale a Latina. Le dichiarazioni dell’amico hanno contribuito alle indagini, che hanno ricostruito la rete di relazioni del terrorista tunisino durante la sua permanenza in Italia, fino alla partenza in Germania avvenuta il 2 luglio del 2015. Nell’ambito delle indagini, sono stati individuati diversi cittadini stranieri residenti nel territorio della capitale e nell’area pontina, alcuni dei quali sono stati espulsi con provvedimento del ministro dell’Interno, poiché ritenuti pericolosi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO