Salerno, violentarono in gruppo una 15enne: il giudice dichiara estinto il reato

"Hanno compreso la gravità di quanto fecero all’epoca"

tribunale-minori-salerno.jpg

Reato estinto. È quanto ha deciso il giudice Giovanni Francesco Fiore nel caso di una violenza di gruppo ai danni di una ragazzina di 15 anni, sequestrata e stuprata da un branco di minorenni la sera del 26 giugno 2016 in un garage di San Valentino Torio, in provincia di Salerno.

La giovanissima, conoscente di uno dei membri del branco, fu attirata con una scusa all’interno di un complesso di garage di proprietà di un supermercato e lì, in una zona deserta dopo l’orario di chiusura del negozio, abusarono di lei a turno.

L’arresto per i responsabili, cinque minorenni di età compresa tra i 15 e i 17 anni, scattò la mattina successiva e tutti furono trasferiti in carcere minorile. Col passare dei mesi, però, si decise di mettere alla prova quei giovanissimi stupratori in una comunità di recupero in vista della sospensione del processo, come previsto dal codice penale italiano.

La decisione del giudice è arrivata due giorni fa, a quasi due anni da quella barbara serata, su richiesta della Procura dei Minori, rappresentata dal pm Antonella Ciccarella, che aveva proposto l’estinzione del reato alla luce del pentimento del branco e del superamento da parte di tutti della cosiddetta messa in prova:

Hanno compreso la gravità di quanto fecero all’epoca.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO