Palermo, genitore picchia il professore di sua figlia: 25 giorni di prognosi

La studentessa aveva raccontato di esser stata picchiata dal professore.

istituto-comprensivo-abba-alighieri.jpg

L’ennesimo caso di violenza nei confronti di un professore arriva da Palermo, dove il genitore di una studentessa di terza media ha atteso fuori da scuola il docente, un uomo ipovedente di 50 anni, e lo ha colpito con un pugno in pieno volto che l’ha fatto cadere a terra.

È accaduto ieri davanti all’Istituto Comprensivo Abba Alighieri e il movente di tanta violenza sarebbe da ricercare nel rimprovero che il professore aveva rivolto poche ore prima alla giovane studentessa. Questa, secondo la ricostruzione degli inquirenti, all’uscita da scuola avrebbe riferito al padre di esser stata picchiata dall’insegnante e il genitore, senza fare alcuna verifica o dare modo al docente di fornire la propria versione dei fatti, si è avventato sul 50enne con un pugno.

Subito dopo quell’episodio la giovane avrebbe rettificato la sua versione, ammettendo di non essere affatto stata picchiata dal docente, ma di esser stata soltanto allontanata dall’aula in seguito a un rimprovero. Le scuse del genitore sono prontamente arrivate, ma l’uomo è comunque finito in ospedale.

Trasportato all’ospedale Civico di Palermo con una frattura allo zigomo, il 50enne è stato sottoposto a una Tac che ha evidenziato un’emorragia cerebrale. Questa mattina i medici della struttura hanno sciolto la prognosi: il docente è stato giudicato guaribile in 25 giorni.

Del caso si sta occupando la Polizia.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO