Morti d'amianto all'Olivetti: tutti assolti i manager

morti d'amianto all'olivetti

15.20 - Il procuratore generale di Torino Carlo Maria Pellicano che ha sostenuto con altri due colleghi la pubblica accusa contro i manager imputati per le morti di amianto alla Olivetti, a margine delle sentenza della Corte di Appello di Torino, dice:

"Finché non saranno depositate le motivazioni non sapremo il perché di questa sentenza. Ma se emergeranno dei profili per l'impugnazione, la impugneremo. E daremo battaglia". Per ora noi e la difesa siamo sull'1-1".

Per le morti d'amianto all'Olivetti di Ivrea sono stati assolti in appello tutti manager imputati per il decesso dei dipendenti. Nel processo di II grado che si è svolto a Torino l'assoluzione è arrivata perché per i giudici "il fatto non sussiste".

Il processo era relativo ai casi di una ventina di dipendenti ammalatisi o deceduti, tra il 2008 e il 2013 dopo essere venuti in contatto con sostanze nocive all'Olivetti di Ivrea.

Secondo i giudici tutti gli imputati non sono responsabili dei decessi dei lavoratori che impiegati nei reparti contaminati da fibre di amianto e che poi si sono ammalati di mesotelioma pleurico.

In tutto gli imputati per le morti d'amianto all'Olivetti era 13. In primo grado erano stati condannati anche i fratelli Carlo e Franco De Benedetti, quest'ultimo ex editore di Repubblica, a 5 anni e 2 mesi.

Altro imputato eccellente alla sbarra era l'ex ministro del governo Monti Corrado Passera che nel 2016 in primo grado aveva preso n anno e 11 mesi di reclusione.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO