Vincent Bollorè fermato per l'accusa di corruzione

Bollorè è già stato interrogato dai magistrati che lo accusano di tangenti, la settimana scorsa aveva nominato presidente di Vivendi il figlio.

fermato vincent bollore

12.25 - Secondo i magistrati transalpini che stamattina hanno fermato Vincent Bollorè, la Havas, concessionaria pubblicitaria del gruppo del miliardario bretone, avrebbe ottenuto le concessioni per la gestione di redditizi terminal di navi container in due porti della Guinea e del Togo barattandole con consulenze e consigli per far salire al potere esponenti politici locali. Le Monde parla della campagna per le presidenziali in Guinea nel 2010 a sostegno del candidato Alpha Conde, tornato in patria dopo un lungo a esilio a Parigi durante il quale avrebbe stretto amicizia con Bollorè. Inoltre uno dei dirigenti del gruppo francese fermati oggi con Vincent Bollorè, il capo della divisione internazionale di Havas, sarebbe stato responsabile di una parte della comunicazione del presidente togolese Faure Gnassingbè, tuttora in carica.

Bollorè è accusato di corruzione di funzionari pubblici stranieri. Il gruppo del finanziere e imprenditore francese intanto ha diffuso un comunicato smentendo "formalmente" di aver messo in atto le "irregolarità" contestate dai magistrati in Africa attraverso la sua filiale SDV Afrique. Le attività in questione sono state poste in essere in modo "trasparente" come già stabilito da "una expertise indipendente che ha sancito la perfetta regolarità delle operazioni" conclude la nota del gruppo.

12.05 - L'inchiesta che ha portato all'arresto di Vincent Bollore è relativa alle concessioni per la gestione dei terminal di navi container nei porti africani di Conakry, Guinea, e Lomé in Togo. Secondo Le Monde, online, il gruppo di Bollorè potrebbe avrebbe usato la sua filiale pubblicitaria Havas, per ottenere nel 2010 la gestione dei terminal fornendo consulenze per far arrivar al potere alcuni dirigenti politici africani in cambio delle concessioni. Du anni fa la sede del gruppo Bolloré Africa Logistics era già stata perquisita.

Fermato Vincent Bollorè. L'imprenditore e finanziere francese a capo di Vivendi, azionista di riferimento di TIM con il 23,68%, è stato posto in stato di fermo oggi per l'accusa di corruzione secondo Le Monde.

Vicent Bollorè sarebbe già stato interrogato a Nanterre e il fermo scaturisce a seguito di un'inchiesta che riguarderebbe sospette tangenti pagate in Africa dal suo gruppo nel 2010, per ottenere delle concessioni portuali in Togo e Guinea. Giusto la scorsa settimana Bollorè aveva lasciato dinasticamente la guida dell'azienda al figlio Yannick, nominato presidente al suo posto.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO