Napoli, arrestato 21enne gambiano per terrorismo: in un video giurava fedeltà al califfo Al Baghdadi

Da un anno era residente a Pozzuoli.

Migrante del Gambia arrestato a Napoli

Aggiornamento ore 12:00 - In conferenza stampa il procuratore di Napoli Giovanni Melillo e il capo della Polizia Franco Gabrielli hanno spiegato che l'uomo arrestato fuori da una moschea di Licola si chiama Alagie Touray, ha 21 anni ed era sbarcato il 22 marzo 2017 a Messina con altri 600 migranti. Da un anno era ospitato nel centro di accoglienza di Pozzuoli e non aveva ancora ottenuto l'asilo politico per cui aveva fatto richiesta. Per lui è stata disposta la custodia cautelare in carcere dal giudice per le indagini preliminari di Napoli e il fermo è stato convalidato due giorni fa.

Il giovane gambiano è stato arrestato perché è stato recuperato un video, pubblicato su Telegram, nel quale giura fedeltà al califfo Al Baghdadi. Sempre su Telegram avrebbe ricevuto la richiesta di lanciarsi sulla folla con un'auto, ma lui avrebbe smentito questa intenzione durante l'interrogatorio, dando risposte confuse e dicendo che era uno scherzo. Ora si cerca di identificare i suoi interlocutori. Le forze dell'ordine hanno sottolineato che il video è stato rintracciato prima che venisse compiuto qualsiasi attentato, segno che il lavoro dell'intelligence funziona.

Arrestato presunto terrorista a Napoli

Giovedì 26 aprile 2018, ore 10:15 - A Napoli, nell'ambito di un'operazione congiunta di Digos e Ros, è stato arrestato un migrante del Gambia che aveva chiesto asilo politico. La sua pratica era ancora in valutazione. Secondo le forze dell'ordine l'uomo stava progettando un attentato e per questo è stato fermato con l'accusa di terrorismo internazionale di matrice islamica.
Per ora non ci sono ancora altri dettagli sull'operazione e sull'arrestato, ma alle 11:30 il procuratore Giovanni Melillo terrà una conferenza stampa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO