Vieste, agguato in strada: ucciso un 25enne. È guerra tra clan

Ucciso con colpi di fucile a torace e addome.

Vieste, agguato in strada: ucciso un 25enne

A Vieste, in provincia di Foggia, ieri sera in via Tripoli il 25enne Antonio Fabbiano, con precedenti penali, è stato ucciso mentre rientrava a casa. Almeno due sicari gli hanno sparato e lo hanno colpito al torace e all'addome. È stato portato all'ospedale Casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo, ma è morto durante la notte, le sue condizioni erano sembrate fin da subito disperate.

Gli inquirenti hanno notato che gli assassini erano più di uno e hanno sparato con più armi perché nella strada sono stati trovati bossoli di armi diverse. Sono già state interrogate una decina di persone e sono stati eseguiti cinque stub per verificare la presenza di polvere da sparo sulle mani di alcuni esponenti di clan rivali a quello a cui si ritiene appartenesse Fabbiano, ossia quello di Marco Raduano, che è in lotta con il clan dei Notarangelo e con la banda di Girolamo Perna per il controllo del traffico di droga con l'Albania.

Le forze dell'ordine che stanno investigando sul caso sono convinte che questo omicidio rientri nella guerra tra clan che va avanti nel Gargano da almeno tre anni, da quando è stato ucciso il boss Angelo Notarangelo detto ‘Cintaridd'. Molti altri omicidi, almeno otto, sono seguiti, più altri agguati falliti. Prima dell'omicidio di Fabbiano l'ultimo era stato quello i Giambattista Notaragelo, cugino del Cintaridd, fatto fuori lo scorso 6 aprile, quindi appena venti giorni prima.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO