Viterbo, bullismo: la scuola dovrà risarcire lo studente picchiato dal compagno

La scuola è stata giudicata responsabile per "culpa in vigilando” formula che indica una situazione di mancato intervento dei professori per far cessare gli atti di bullismo.

bullismo scuola viterbo

Uno studente bullizzato da un altro con i giudici che condannano la scuola a risarcire la vittima. Accade a Viterbo dove per la prima volta un tribunale ha considerato colpevole l'istituto per gli atti di bullismo di uno studente. Una sentenza a suo modo storica che potrà fare da precedente per late pronunce simili.

La scuola dovrà risarcire il ragazzo che ha subito le vessazioni del compagno anche se gli atti di bullismo sono culminati con un pestaggio avvenuto fuori dai locali della scuola e al di là degli orari scolastici. Lo studente vittima del bullo di turno era dovuto finire in ospedale.

I giudici di Viterbo hanno parlato di "Minacce e insulti sottovalutati" ordinando un risarcimento di 12mila euro, soldi che dovranno essere sborsati materialmente dal ministero dell’Istruzione e dai genitori del bullo. Il Miur potrà poi rivalersi sul preside e sui professori interpellando la Corte dei conti.

Il bullo in questione avrebbe tormentato per diversi mesi il compagno di scuola con botte, offese e minacce dal: "Puzzi, mi fai schifo” al "Devi morire” fino ad arrivare a dire "Ti uccido il fratello più piccolo” .

Secondo i giudici, come riferisce Il Messaggero, la scuola è stata giudicata responsabile per "culpa in vigilando” formula che indica in questo caso una situazione di mancato intervento dei professori per far cessare gli atti di bullismo pur essendo a conoscenza delle vessazioni subite dalla vittima. I docenti sempre secondo i giudici potevano e dovevano intervenire ma non lo hanno fatto.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO