Taranto, scoperta zecca clandestina: stampati oltre 8 milioni di euro falsi

euro banconote

Tre uomini originari della Campania sono finiti in manette in provincia di Taranto con l'accusa di associazione per delinquere e falsificazione di banconote. I tre sono stati sorpresi, dopo settimane di indagini, in quello che era a tutti gli effetti un laboratorio clandestino per la produzione di banconote false.

La struttura era stata messa in piedi in una villetta tra gli uliveti nel comune di Maruggio di proprietà di uno dei figli dei tre uomini arrestati. Lì erano stati installati tutti i macchinari necessari a realizzare banconote da 50 euro molto simili alle originali, trasportati lì dalla provincia di Napoli nelle ultime settimane.

Le forze dell'ordine stavano già monitorando la situazione e sono riuscite a documentare anche il trasporto dei macchinari e la loro installazione della struttura. L'operazione è scattata poco dopo l'avvio delle stampe, così da sorprendere i falsari in flagranza di reato, come accaduto proprio stamattina.

I tre uomini, di 43, 58 e 31 anni, sono stati colti sul fatto, dopo aver già stampato banconote da 50 euro per un valore complessivo di 8 milioni di euro, pronti per essere messi in circolazione.

A coordinare le indagini ci ha pensato la Procura di Napoli Nord, che si è avvalsa della collaborazione dei finanzieri del Nucleo di Polizia Economico finanziaria di Napoli e dal Nucleo speciale di polizia valutaria di Roma.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO