Roma, insulto omofobo sullo scontrino del ristorante. Licenziato il cameriere

Lo scherzo di cattivo gusto che non ha fatto ridere nessuno ora gli è costato il posto di lavoro.

Scritta omofobo sullo scontrino di un ristorante

Aggiornamento ore 15:55 - Il caso dell'insulto omofobo sullo scontrino di una coppia gay cliente della Locanda Rigatoni di Roma è diventato uno degli argomenti del giorno e così, alla fine, i proprietari del locale hanno dovuto fare un gesto netto per redimersi in qualche modo dopo la pessima figura fatta: è stato licenziato il cameriere autore dell'insulto sullo scontrino.

Coppia gay insultata alla Locanda Rigatoni

Doveva essere una cena tranquilla, come tante altre, in un locale piuttosto apprezzato di Roma. E in effetti per una giovane coppia gay è stato così, almeno fino al momento in cui il cameriere ha consegnato loro lo scontrino. Lì, oltre all'elenco delle pietanze consumate, c'erano infatti le note messe dal cameriere al momento dell'ordine e tra quelle la scritta "NO PECORINO, SI FROCIO".

È accaduto giovedì sera alla Locanda Rigatoni di via Domenico Fontana. I due ragazzi, un 21enne romano e il suo compagno, alla vista dello scontrino hanno chiesto spiegazioni al cameriere che li aveva seguiti, come confermato dal responsabile di Gay Help Line Fabrizio Marrazzo:

I ragazzi hanno fanno notare al cameriere che tale scritta non era divertente, ma il cameriere, ridendo, ha riferito che sarebbe stato un errore del computer, continuandoli a prendere in giro. Il ragazzo ha poi fatto notare che quello "scherzo" è per loro offensivo, dicendo: “Guarda nessuno sta ridendo, sei una persona infantile, nessuno si è mai permesso di trattarmi in questo modo nella mia vita.

Anche la titolare della locande avrebbe sminuito l'accaduto, attribuendo quella scritta a un non ben precisato problema del computer. Le scuse da parte delle persone coinvolte non sono mai arrivate e il locale si è fatto carico della cena dei due ragazzi, ma il fatto è stato regolarmente denunciato alla Gay Help Line che, ogni anno, raccoglie oltre 20 mila segnalazioni di episodi di omofobia in tutta Italia.

Marrazzo ha prontamente chiesto alla sindaca di Roma Virginia Raggi di revocare subito la licenza al ristorante e di valutare possibili sanzioni, mentre i canali ufficiali della Locanda Rigatoni sono già stati inondati di recensioni negative. Raggi, al momento, non è intervenuta pubblicamente sulla vicenda.

A Roma due ragazzi a cena in un locale in centro al momento di pagare di sono visti presentare questo scontrino: "no...

Posted by Cathy La Torre on Friday, July 20, 2018
  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO