Reggio Calabria, cartoni per 'immobilizzare' le fratture: la direzione fa chiarezza

La situazione è stata denunciata dal Corriere della Calabria

cartone-780x450.jpg

1 agosto 2018 - La denuncia presentata ieri relativamente a quanto sarebbe successo nel Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria è stata accolta con molto clamore dall'opinione pubblica italiana e ha suscitato reazioni, come era evidente, anche da parte della politica, a cominciare dal Ministro della Salute Giulia Grillo che ha criticato le "ingiustificabili carenze organizzative" del nosocomio.

Oggi, però, la Direzione generale della struttura ha rispedito al mittente le accuse, precisando che quanto riportato per primo dal Corriere della Calabria è stato strumentalizzato dalla stampa e non è esattamente come è stato presentato:

La notizia pubblicata da diverse testate giornalistiche nazionali e locali è stata fondamentalmente strumentalizzata. Da una prima sommaria indagine esperita con i Direttori delle Unità operative interessate, emerge una prima 'verità' che altro non è che l'esatto contrario di quanto riferito in perfetta malafede agli organi di stampa. [...] Rimane l'amarezza di rispondere a quanti non si pongono alcuno scrupolo nell'arrecare danno all'immagine della Calabria, della sanità calabrese e del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria. E tutto questo anche a costo di generare inutili allarmismi e senza alcun rispetto nei confronti di tutti gli operatori che svolgono, con diligenza, il loro lavoro nell'interesse esclusivo dei cittadini.

Angelo Ianni, primario del pronto soccorso, ha precisato che il paziente immortalato con quella fasciatura improvvisata si sarebbe recato nella struttura già in quelle condizioni. I medici, per non perdere tempo, avrebbero quindi deciso di lasciare quel tipo di medicazione.

Quanto al caso della seconda paziente che sarebbe arrivata nel nosocomio con un tutore di metallo, poi sostituito temporaneamente con uno di cartone, la spiegazione andrebbe ricercata nella necessità dei medici di non avere oggetti metallici durante la radiografia.

Reggio Calabria, al Pronto Soccorso si utilizzano cartoni per 'immobilizzare' le fratture

31 luglio 2018 - Medici e infermieri costretti ad arrangiarsi con cartoni, nastro adesivo e cerotti. È questa la denuncia fatta dal Corriere della Calabria che ha mostrato foto di pazienti con fratture, lussazioni e distorsioni immobilizzate con l'ausilio di mezzi di fortuna. Il fatto è avvenuto (e avviene) presso il Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, dove il reparto di ortopedia è aperto solo dalle 8 di mattina alle 20 di sera.

Di notte, senza il supporto del reparto, i medici e gli infermieri di turno al PS sono costretti ad arrangiarsi come se non si trovassero in un ospedale, ricorrendo alla fantasia. Un medico di Ortopedia, che ha chiesto di restare anonimo, ha spiegato inoltre al Corriere della Calabria che gli infermieri non sarebbero in grado di svolgere il compito di immobilizzare a dovere le parti fratturate e, inoltre, che il Pronto Soccorso non avrebbe provveduto all'approvvigionamento del materiale attraverso la farmacia dell'Ospedale a causa degli stringenti limiti di spesa previsti dal DG Frank Benedetto, che si è reso irreperibile e non ha voluto commentare la vicenda ai colleghi del Corriere della Calabria.

Queste soluzioni temporanee vengono adottate notte tempo e la mattina, quando il reparto di ortopedia riapre, gli specialisti si trovano costretti ad intervenire per rimediare alle soluzioni adottate dai colleghi del Pronto Soccorso. Va ricordato che il reparto rappresenta, nonostante tutto, un punto di riferimento per l'intera provincia sempre a causa dei tagli che hanno colpito la sanità calabrese. Il 25 luglio scorso il commissario della Sanità, Massimo Scura, ha autorizzato 1300 assunzioni in Calabria. Circa 100 di queste andranno a rinforzare l'organico dell'ospedale metropolitano; c'è da augurarsi che questo incremento del personale possa migliorare la situazione.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO