Skinheads italiani reclutavano mercenari da spedire in Ucraina

arresti-skins-italia-mercenari-ucraina.jpg

Skinheads italiani reclutavano mercenari per combattere nella regione ucraina del Donbass, in cui continuano a scontrarsi le milizie filorusse con le truppe regolari del governo di Kiev.

Con questa accusa i carabinieri del Ros hanno eseguito oggi sei arresti in tre regioni italiane. Gli inquirenti contestano agli indagati il reclutamento di mercenari per il combattimento in un conflitto armato estero.

Le indagini sono partite dall'area skinhead della Liguria per un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Genova su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia e antiterrorismo della locale Procura della Repubblica.

Il blitz è scattato alle prime luci del giorno. Gli arresti e le perquisizioni a Milano e nelle province di Parma e Avellino. Le indagini avrebbero scoperto l'esistenza di una struttura organizzata attiva sull'asse Italia-Ucraina che reclutava e finanziava dei mercenari per ingrossare le truppe delle milizie separatiste filorusse nel Donbass.

La regione storica e culturale del Donbass, nel bacino del fiume Donec, affluente del Don (nell'Ucraina orientale), si è unilateralmente separata da Kiev nel 2014 senza però essere riconosciuta dal governo centrale ucraino.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO