Venezuela, ucciso imprenditore italiano durante tentativo di sequestro

La vittima è Elio José Simonelli Datellis.

Imprenditore italiano Venezuela

L'imprenditore Elio José Simonelli Datellis, italiano ma da anni residente in Venezuela, è stato ucciso ieri a Maracay, nello Stato di Aragua. Aveva 45 anni ed era un noto uomo d'affari, tra le varie cose anche proprietario di alcuni magazzini della Nestlè.

Ieri una banda armata lo ha rapito a San Agustin, nei pressi di una carrozzeria di sua proprietà, costringendolo a entrare nel suo stesso furgone e lo hanno immobilizzato su un sedile posteriore, ma poi qualcosa per loro è andato storto. Infatti nelle vicinanze c'era il fratello dell'imprenditore, che si è accorto che c'era qualcosa di strano vedendo il furgone che andava via, tuttavia non ha capito subito che si trattava di un sequestro. Elio José Simonelli Datellis è riuscito a chiamarlo mentre era nel furgone, senza parlare, ma lasciando il cellulare aperto, in questo modo suo fratello ha capito che era stato rapito e con il proprio veicolo si è lanciato all'inseguimento del furgone, ma dopo qualche minuto ne ha perso le tracce e ha così chiamato la polizia che, sorvolando la zona con un elicottero, è riuscita a localizzare i rapitori e ha ingaggiato con loro un conflitto a fuoco.

Durante la sparatoria sono stati uccisi almeno tre rapitori, secondo alcune fonti della stampa Venezuela forse cinque, ma purtroppo è stato colpito all'addome anche Elio José Simonelli Datellis, da un colpo di pistola che gli è stato fatale e così, quando è stato ritrovato nel suo furgone, non è stato più possibile salvarlo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO