Agrigento, aggressione razzista a 16enne: “tornatene a casa tua”

La vittima è ospite di una comunità di accoglienza per minori non accompagnati

aggressione razzista raffadali

Aggressione razzista a Raffadali, in provincia di Agrigento, dove un migrante 16enne è stato preso a calci e pugni al grido di "tornatene nel tuo paese".

Ahmed, questo il nome del minorenne che da un anno vive anno in una comunità di seconda accoglienza per minorenni non accompagnati di Raffadali, è stato aggredito domenica pomeriggio.

Stamattina sarà formalizzata la denuncia presso i carabinieri della locale stazione in modo da avviare le indagini. Secondo il Giornale di Sicilia, il giovane è stato colpito prima con una sportellata in faccia, poi con calci e cazzotti.

Soccorso, Ahmed è stato portato al pronto dell'ospedale S.Giovanni di Dio di Agrigento dove è tuttora ricoverato per contusioni e ferite giudicate guaribili in 5 giorni.

La sezione del Pd di Raffadali ha condannato l’aggressione razzista parlando di episodi conseguenza del clima di odio e intolleranza che sta crescendo nel nostro paese.

A raccontare su Facebook quanto accaduto ad Ahmed, e di altri episodi di intolleranza vissuti dai migranti, è stato lo stesso responsabile del centro di accoglienza per minori non accompagnati di Raffadali, Giovanni Mossuto:

Ahmed ha 16 anni è arrivato in Italia da solo più di un anno fa con uno dei tanti barconi di disperati partiti dalle coste tunisine È stato assegnato in una struttura di minori di seconda accoglienza a Raffadali, comune che lo ha accolto con amore e grande disponibilità all'integrazione. In questi mesi grazie al suo bel carattere ha conosciuto tanti suoi coetanei raffadalesi. Però malgrado questo in questi mesi Ahmed e gli altri ospiti della comunità sono stati oggetto di insulti, sputi e minacce da parte di un piccolo razzista nostrano…È stata fatta denuncia. Noi non vogliamo che queste aggressioni razziste passino in silenzio

Questo è solo l’ultimo caso del genere registrato in Sicilia nel giro di un mese o poco più. Dall’aggressione di venerdì scorso a Bagheria, vittima un 30enne nigeriano pestato con un cric, a quelle avvenute tra luglio e agosto a Partinico e Lercara Friddi, nel palermitano.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO