La ragazza pakistana Menoona Safdar è arrivata in Italia. L'annuncio della Farnesina

La ragazza, residente nella provincia di Monza, ha rifiutato un matrimonio combinato.

Ministero degli Esteri

21.50 - Menoona Safdar, come anticipato stamattina, è atterrata all'aeroporto di Malpensa con un volo proveniente da Doha.

Giovedì 20 settembre 2018 - Menoona Safdar, la ragazza che era stata trattenuta in Pakistan contro la sua volontà dai famigliari, sta rientrando in Italia. La notizia è stata data dal Ministero degli Esteri guidato da Enzo Moavero Milanesi. La Farnesina in una nota spiega:

"Il positivo esito, che ha posto fine a una grave violazione dei diritti fondamentali della giovane donna, è stato reso possibile, a seguito del personale interessamento del ministro, dall'efficace azione della nostra Ambasciata a Islamabad in stretto raccordo con la Farnesina"

23enne pakistana portata in patria con l'inganno

Martedì 18 settembre 2018 - Il Ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi è intervenuto oggi sulla questione della 23enne pakistana portata in patria con l'inganno dai suoi genitori nel 2017 perchè non accettava di unirsi in matrimonio con l'uomo che la famiglia aveva scelto per lei e anche perchè aveva deciso di proseguire gli studi in Italia.

L'incubo per la giovane era iniziato nel 2015, quando suo padre l'aveva obbligata a ritirarsi da scuola - frequentava il quarto superiore in una scuola della provincia di Monza - e rimanere a casa. Poi, due anni dopo, era arrivato il matrimonio combinato. Di fronte al rifiuto della ragazza, i suoi genitori erano riusciti a portarla in Pakistan e a lasciarla lì senza passaporto, documento di soggiorno e codice fiscale.

La famiglia aveva fatto ritorno in Italia, lasciando in patria la figlia. Pochi mesi fa, lo scorso 29 giugno, la giovane ha inviato una lettera alla sua vecchia scuola per chiedere aiuto, spiegando di esser stata portata via contro la sua volontà e di voler fare ritorno in Italia.

La scuola ha denunciato tutto ai carabinieri e alla Procura di Monza, che ha poi allertato la Prefettura di Monza e Brianza e, in ultimo, al Ministero degli Esteri, che proprio oggi ha annunciato la possibilità di un intervento:

In considerazione della gravità di ciò che la giovane ha denunciato, la Farnesina sta acquisendo presso la Questura competente ogni utile elemento per verificare i fatti, al fine di valutare le modalità più appropriate per possibili interventi a tutela dei suoi diritti.

In attesa di capire come procedere, anche l'Interpol è stato informato e sta effettuando una serie di approfondimenti sul caso.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO