Massa: 33 morti sospette in ospedale, indagato primario

morti sospette massa indagati primario

È indagato per una serie di morti sospette il primario di medicina generale del Nuovo Ospedale delle Apuane (NOA) di Massa. L’iscrizione del medico nel registro degli indagati è avvenuta a seguito delle indagini partite dopo l’esposto del presidente del consiglio comunale di Massa Stefano Benedetti a cui l’Asl aveva risposto con una denuncia parlando di morti "in linea con quelle degli anni precedenti".

I decessi finiti sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti della procura di Massa sono 33, avvenute in meno di un mese tra dicembre 2017 e gennaio del 2018. Secondo chi indaga le morti sospette potrebbero essere state causate da un batterio. L’inchiesta ha preso le mosse dopo la morte Fernanda Ballerini, il 31 dicembre dell’anno scorso, con l’iscrizione nel registro degli indagati del primario del NOA.

L’iscrizione del nome del primario nel registro degli indagati è "un atto formale, non potendo procedere contro ignoti, visto che il reparto in questione ha di fatto un responsabile. Non c'è ancora nulla di concreto" ha detto il procuratore di Massa Carrara Aldo Giubilaro.

"I decessi hanno riguardato pazienti molto anziani, sette di questi avevano più di 90 anni, la maggior parte tra i 70 e gli 80 e poi ci sono due cinquantenni. Era doveroso aprire un fascicolo per fare chiarezza soprattutto per i famigliari di queste persone, a cui è stato notificato l'atto di apertura delle indagini" ha proseguito il magistrato.

L’iscrizione del primario è insomma "di rito" e "a tutela dello stesso indagato" nell’ottica degli esami irripetibili che saranno svolti dopo la nomina della procura di un proprio consulente, ai primi di ottobre. L’ipotesi di reato per ora formulata è di omicidio colposo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO