Usa, pacchi bomba: "arrestato il principale ed unico sospettato"

L'FBI ha arrestato Cesar Sayoc, accusato di aver spedito tutti i pacchi bomba. L'uomo ha precedenti penali ed è un sostenitore di Trump

L'FBI sembra arrivata ad una rapida svolta nell'indagine relativa ai pacchi bomba spediti negli ultimi giorni a diversi esponenti del Partito Democratico, compresi gli ex Presidenti Obama e Clinton, così come alla CNN e all'attore Robert De Niro. Gli agenti federali hanno messo le manette ai polsi a Cesar Sayoc; un uomo bianco di 56 anni, già noto alla giustizia, considerato "il principale ed unico sospettato". Si tratta di un elettore del Partito Repubblicano e grande sostenitore del Presidente Trump. Nel 2012 Sayoc dichiarò bancarotta non potendo far fronte ai propri debiti, pari a 21.109 dollari. Proprio in occasione della procedura di bancarotta dichiarò di guadagnare 1.083 dollari al mese.

L'arresto è avvenuto in un negozio di Plantation (Florida), località vicina ad Aventura dove l'uomo risiede. Solo oggi sono stati intercettati altri due pacchi indirizzati all'ex direttore della National Intelligence, James Clapper, ed a John Brennan, ex direttore della CIA. L'FBI ha anche sequestrato il mezzo di trasporto dell'uomo, un furgone tappezzato di adesivi pro-Trump. Tra i vari adesivi anche alcuni contro la CNN (alla quale è stato recapitato un pacco), il regista Michael Moore ed Hilary Clinton.

Proprio il Presidente Trump ha confermato l'arresto dell'uomo: "Sono felice di comunicarvi che le forze dell'ordine hanno arrestato un sospetto. Questi atti terroristici sono disgustosi e non hanno posto nella nostra società. Perseguiremo loro, lui, lei (…) Le forze dell'ordine hanno trovato un ago nel pagliaio e lo hanno fatto così velocemente... hanno svolto un lavoro incredibile per trovare la persona o le persone responsabili per questi eventi"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO