Palermo, la Digos negli uffici anagrafe. Gli impiegati: "Non sappiamo cosa fare"

I dipendenti comunali sono preoccupati, perché rischiano condanne e perdita del lavoro.

Digos negli uffici anagrafe di Palermo

La diatriba tra il ministro dell'Interno Matteo Salvini e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando rischia di fare le prime vittime e non tra gli immigrati, ma tra i dipendenti comunali. Sono loro, infatti, i primi a pagarne le conseguenze e stamattina hanno ricevuto la visita della Digos.

Gli agenti hanno chiesto agli impiegati che cosa succederà quando dovranno regolarizzare le posizioni dei richiedenti asilo, quali procedure seguiranno, visto che hanno ricevuto ordini discordanti dal Ministero dell'Interno e dal sindaco. Questa mattina hanno ricevuto dieci richieste di asilo politico e hanno fissato degli appuntamenti per esaminare le pratiche alla fine del mese, dal 28 al 31 gennaio. A nessuno dei richiedenti asilo è stato rilasciato il certificato di residenza o cittadinanza. In pratica stanno prendendo tempo in attesa di capire che cosa succederà dal punto di vista politico.

La questione è questa: il sindaco, quindi Leoluca Orlando, è il soggetto che esprime una volontà politica al dirigente dell'ufficio comunale, in questo caso l'anagrafe. Il capo area firma un provvedimento per dare seguito alle intenzioni del primo cittadino, ma i dipendenti comunali sono ufficiali nominati con decreto prefettizio, quindi sono soggetti alla vigilanza del Prefetto e, tra l'altro, rispondono personalmente di abusi od omissioni di ufficio.

Da qui scaturisce la preoccupazione dei dipendenti comunali, che si sono rivolti ai sindacalisti del Csa e della Uil Fpl, i quali hanno fatto notare che gli impiegati, firmando i provvedimenti, si espongono a denunce e in caso anche alla perdita del lavoro.

Per ora, dunque, il risultato di questa lotta a distanza tra Salvini e Orlando è tanta confusione e serve una soluzione perché procrastinare le pratiche non servirà né agli immigrati, né ai cittadini.

Foto © Comune di Palermo

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO