Roghi tossici nel Lazio: 15 arresti e 25 autocarri sequestrati

roghi tossici nel lazio

Per i roghi tossici nel Lazio sono 15 gli arresti eseguiti oggi dai carabinieri di Roma nell'ambito dell'operazione denominata Tellus. In tutto ci sono 57 indagati accusati a vario titolo di traffico illecito di rifiuti, associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio e ricettazione di veicoli, truffa in danno delle assicurazioni e simulazione di reato.

25 gli autocarri sequestrati. I mezzi erano impiegati per il trasporto illecito di rifiuti. Sotto chiave anche un impianto di autodemolizione. Le indagini sono state coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Capitale. Su 15 arrestati 6 sono finiti in carcere e 9 agli arresti domiciliari. Disposti anche 3 obblighi di presentazione quotidiana in caserma e 12 divieti di dimora nella provincia di Roma.

Roghi tossici nel Lazio, le indagini

Secondo le indagini culminate nel blitz di oggi gli incendi tossici nel Lazio sono il frutto di una gestione illecita dei rifiuti che vedeva soprattutto nomadi e titolari di aziende di recupero in combutta tra loro: bruciavano la parte di rifiuti inutile per ottenere alla fine metalli e leghe di valore come rame, bronzo e ottone.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO