Parma, bimbo ingoia un tagliaunghie, i medici lo salvano

Il tagliaunghie lungo 5 cm poteva perforare l'intestino.

Bambino ingoia tagliaunghie

Intervento delicatissimo per i medici dell'Ospedale Maggiore di Parma su un bambino di soli 22 mesi. Il piccolo aveva ingoiato un tagliaunghie lungo 5 cm e rischiava che l'oggetto gli perforasse l'intestino. Per fortuna, anzi, per bravura, i medici sono riusciti a salvarlo.

Per poter estrarre il tagliaunghie, i chirurghi hanno incapsulato il corpo estraneo in una bolla di silicone introdotta nell'apparato digerente e poi hanno estratto questa bolla con una manovra molto delicata. Il bambino, di 13 chili, è stato ovviamente sottoposto ad anestesia generale. L'intervento è durato un'ora circa ed è riuscito perfettamente. È stato poi tenuto in osservazione 24 ore prima di essere riaffiorato alla famiglia.

Il Professor Gianluigi de' Angelis, che ha guidato l'equipe che ha effettuato l'operazione, ha detto che è stata fondamentale l'importanza dell'urgenza endoscopica attiva 24 ore, ma l'ospedale di Parma è uno dei pochissimi in Italia ad averla attivata.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO